Covid, gli Usa riaprono le frontiere ai vaccinati: gli ultimi dati

Covid, gli USA hanno deciso di riaprire le frontiere ai vaccinati dopo quasi due anni di assenza: arrivano i primi dati ufficiali per quanto riguarda le prenotazioni

USA riaprono ai vaccinati
Covid, gli USA riaprono ai vaccinati (screenshot video YouTube)

Dopo quasi due anni dall’ultima volta gli Stati Uniti D’America hanno deciso di riaprire le frontiere internazionali. Ovviamente solo a coloro che si sono vaccinati contro il Covid e a chi ha effettuato un tampone entro le 72 ore dall’imbarco. Da lunedì 8 novembre si potrà viaggiare liberamente verso gli USA. Esattamente 604 giorni sono passati da quando gli americani hanno deciso di bloccare l’arrivo di persone che non sono residenti del posto. Tanto è vero che nelle ultime ore ci sono state tantissime chiamate agli aeroporti per le prenotazioni.

LEGGI ANCHE >>> Pillola anti Covid: dall’Ema in arrivo grosse novità

Florida, Miami, San Francisco, Orlando, California e Los Angeles sono le città che hanno ricevuto più chiamate nelle ultime ore. A rivelare ciò è ‘Travelport‘ che ha emanato gli ultimi dati ufficiali. Più del 70% delle prenotazioni, un numero così alto che non si vedeva da tempo, ovviamente da prima dell’inizio della pandemia. Basti pensare che le compagnia aeree sono andate in tilt per via dell’alto numero delle chiamate che hanno ricevuto.

Covid, USA riaprono frontiere: si può tornare a viaggiare

La compagnia aerea maggiore statunitense ‘United Airlines‘ ha comunicato che ci sarà il 50% in più di viaggiatori internazionali rispetto alla settimana scorsa. Il sito dedicato alla vendita dei biglietti, ovvero Hopper, ha comunicato le ricerche dei biglietti internazionali si sono quadruplicate. Questa decisione fu presa proprio dall’attuale presidente Joe Biden pochi mesi fa.

LEGGI ANCHE >>> Ragazza di sedici anni rapita negli Usa, si salva grazie a Tik Tok

C’è gioia anche tra gli italiani pronti a partire per le vacanze oppure per andare a trovare familiari che vivono in America. Non è assolutamente da scartare che per il periodo natalizio ci sarà un ulteriore boom di prenotazioni.