Bari, donna incinta con bimba cerca riparo nella stazione: la Polizia paga l’hotel

Gli agenti si sono subito adoperati per sistemare mamma e figlia in un albergo nelle vicinanze della stazione

Erano le 22 di martedì 28 dicembre. Una notte come tante, quella di ieri sera, ricoperta dal freddo e dal flebile clima natalizio che, in tempo di Covid, Omicron e restrizioni, si fa sempre più debole. Una notte che, per qualcuno, ha significato anche una prova di solidarietà e benevolenza. Nella stazione di Bari, la Polizia ferroviaria ha infatti notato una giovane mamma incinta, mentre con la sua primogenita di due anni cercava riparo dal freddo.

Leggi anche: Covid, in Campania è boom di contagi: stabilito nuovo record da inizio pandemia

Una volta vista, gli agenti le si sono avvicinati e hanno ascoltato il suo racconto. La donna era arrivata a Bari qualche giorno prima dalle Marche, per sistemarsi in Puglia con il suo compagno. Tuttavia, le cose non sono andate come ci si aspettava e la donna ha deciso di ripartire. Nel mentre, ha smarrito la borsa con all’interno i suoi documenti e il denaro. Così, ha chiesto aiuto ai poliziotti che a loro volta avevano notato la donna sola aggirarsi nella stazione. Ascoltata la sua storia, gli agenti della Polfer hanno deciso di fare una colletta e di sistemare la mamma e la piccola in un albergo vicino alla stazione.

Leggi anche: Diceva da mesi che la mamma era uscita: poi il macabro ritrovamento

La vicenda si è quindi conclusa a lieto fine per la donna che, almeno, ha potuto trascorrere una notte al riparo dal freddo grazie alla solidarietà ricevuta da parte degli agenti della Polizia Ferroviaria. Anche gli abitanti del posto, venuti a conoscenza di quanto accaduto, hanno espresso riconoscenza verso gli agenti, che hanno mostrato grande umanità verso una giovane donna in difficoltà e la sua bambina.