Il Senato approva la Manovra. Renzi critica il Governo

Via libera del Senato alla Manovra. Palazzo Madama ha approvato la legge di bilancio con 215 voti a favore. Il testo ora passa alla Camera.

Senato
Il Senato approva la manovra © Getty Images

Manovra approvata in Senato non senza polemiche. Palazzo Madama nella notte tra il 23 e il 24 dicembre ha dato il via libera alla legge di bilancio con 215 voti a favore, 16 contrari e zero astenuti.

LEGGI ANCHE <<< Manovra 2022: Salvini, Taglio tasse da 8 mld di euro, risparmio per italiani [VIDEO]

Il testo ora è atteso a Montecitorio per l’approvazione definitiva. La discussione alla Camera inizierà il 28 dicembre e il via libera dei deputati alla manovra dovrebbe arrivare tra il 29 e il 30. Non si esclude la possibilità di chiudere la votazione il 31. Subito dopo il provvedimento sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale e da quel momento sarà ufficialmente legge.

Renzi polemico con il Governo

Matteo Renzi
Matteo Renzi critico con la linea adottata dal Governo sulla manovra © Getty Images

In Senato, come detto, non sono mancate polemiche anche a parte di esponenti che sostengono questa maggioranza. Come riportato da La Repubblica, durante la discussione sul voto di fiducia Matteo Renzi ha criticato duramente la linea adottata da questo esecutivo sulla legge di bilancio: “Bisogna superare il bicameralismo. Io ho perso il mio incarico per questo […]. Questo è sicuramente uno dei governi migliori, ma la manovra, come metodo, è una delle peggiori nel corso della storia repubblicana“.

L’ex premier nel suo intervento ha anche sottolineato come “tra un mese ad eleggere il nuovo Capo dello Stato sarà il Parlamento e non i sondaggi, le redazioni o gli editorialisti […]. Ed è questo il livello della dignità istituzionale e costituzionale di questo luogo. Ogni tentativo di far venire meno la centralità del Parlamento rispetto alle sue responsabilità rende più debole il sistema istituzionale italiano“.

LEGGI ANCHE <<< La Manovra non piace ai sindacati: presto sciopero generale

Un metodo che è stato criticato anche da altri senatori durante la discussione a Palazzo Madama. E, molto probabilmente, anche alla Camera nei prossimi giorni si chiederà al Governo di essere maggiormente coinvolti su provvedimenti che sono fondamentali per la ripresa del Paese.