Fermava i passanti per fare i tamponi in strada: denunciato un pensionato

L’incredibile notizia arriva da San Giovanni Valdarno: denunciato un pensionato che aveva messo in piedi un piccolo laboratorio di tamponi in strada.

tamponi strada denunciato anziano
Tamponi in strada, denunciato un anziano (Getty Images)

In tempi di pandemia accade di tutto. Anche che in strada qualcuno possa allestire un piccolo laboratorio per effettuare i tamponi. E’ accaduto ad San Giovanni Valdarno, in provincia di Arezzo, dove un uomo ha incassato una denuncia da parte delle forze dell’ordine. Era vestito come un operatore sanitario, e in diverse zone ad alta circolazione di traffico fermava i passanti, proponendo di effettuare il test. 

Leggi anche: Omicron: incubazione, sintomi e durata, cosa sappiamo sulla variante

Avrebbe incassato 15 euro per ogni tampone eseguito, mettendo in piedi una attività con i tamponi antigenici rapidi. I Carabinieri lo hanno però identificato e fermato, e lui si sarebbe giustificato asserendo di avere le autorizzazioni.

Tamponi in strada, fermato un pensionato: aveva allestito un piccolo laboratorio

Tamponi
Tamponi (screenshot video YouTube)

I Carabinieri parlano di “decine e decine” di test effettuati. In centro e anche davanti allo stadio di San Giovanni Valdarno, dal quale uscivano i giovani dopo l’allenamento ed eseguivano i tamponi rapidi. L’uomo si è giustificato dicendo di avere le carte in regola per effettuare questo “tipo di attività”. In passato fu effettivamente un professionista in ambito sanitario, ed è risultato assunto in uno studio medico accreditato dalla Regione Toscana per l’effettuazione dei test Covid.

Leggi anche: Covid, code infinite per i tamponi: i rischi e l’affidabilità dell’antigenico

Al pensionato aretino è però contestata la violazione dell’ articolo 193 sulle leggi sanitarie. “Ha aperto e tenuto in esercizio un gabinetto ambulante di analisi per il pubblico a scopo di accertamenti diagnostici, somministrando tamponi rapidi su pubblica via”. In sostanza l’accreditamento avrebbe consentito all’uomo di fare i test in ambulatori o esercizi al chiuso, ma non per le strade di San Giovanni Valdarno. I Carabinieri hanno quindi sequestrato kit e tamponi, in una attività ambulante che avrebbe fruttato al pensionato una discreta cifra.