Capodanno 2021 tra divieti e limitazioni: tutto quello che si potrà fare

Anche quest’anno ci si appresta a vivere un Capodanno con limitazioni, seppure minori rispetto al precedente. Tra discoteche chiuse e feste in piazza annullate, ecco tutto ciò che si potrà o non si potrà fare.

capodanno 2021 regole covid
(Ansa)

Negli scorsi giorni, diversi sindaci a livello locale avevano già fatto disdire gli appuntamenti più importanti per le città da loro amministrate. Ora però è stato il nuovo decreto del governo a vietarli in tutto il Paese, in maniera indistinta.

Di fatto, arriva in questo modo una nuova stretta anche per le attività commerciali che rischiano di essere di nuovo penalizzate e in maniera pesante dalla scelta del Governo, così si ripresenta ancora una volta la questione dei possibili indennizzi.

Il provvedimento emanato dal Governo

Tra i vari aspetti del provvedimento emanato dal Governo, non c’è alcun impedimento e nemmeno limitazione all’accoglienza di altre persone nella propria abitazione, a differenza dello scorso anno, ma ci si limita a fare appello al buon senso e alla prudenza della popolazione nel cercare di limitare il pericolo di focolai domestici.

Ciò che invece non sarà possibile vivere è il tradizionale veglione di capodanno all’interno di locali o nelle piazze. Tuttavia, sarà possibile recarsi normalmente al ristorante per chi è in possesso del Super Green pass, che certifica quindi se si è fatto il vaccino o si è guariti dal Covid. Lo stesso requisito sarà però necessario anche solamente per consumare un caffè al bancone del bar.

Una novità importante è però quella della chiusura delle discoteche, che avrà luogo dal prossimo 30 dicembre e fino al 31 gennaio 2022, indistintamente in tutto il territorio italiano. Una scelta che ha scatenato la rabbia dei diretti interessati che ora chiedono alle istituzioni un risarcimento per gli incassi che andranno perduti.

LEGGI ANCHE: Variante Omicron, il pugno duro del Governo sul Capodanno in piazza

Lo stesso accadrà però per tutti coloro che si accingevano a preparare eventi, feste e concerti nelle piazze di tutta Italia, o qualsiasi altra attività che implichi assembramenti in spazi all’aperto. Come era già accaduto nel 2020. Perciò ancora una volta si entrerà nel nuovo anno senza festeggiamenti di piazza. 

Cosa si potrà fare e cosa no a Capodanno

Un aspetto invece che non ha visto limitazioni, al contrario di quanto si immaginava, è quello legato alla libertà di spostamento degli italiani. Ci si potrà infatti muovere liberamente tra regioni con la propria vettura, e anche le seconde case sono raggiungibili senza problemi e nemmeno la necessità di presentare una autocertificazione di alcun tipo. A meno che la Regione in cui si vuole entrare sia in zona arancione, cosa che al momento è da escludere per quanto riguarda l’ultimo giorno dell’anno.

Diverso è il discorso che riguarda il trasporto pubblico, dove ci sarà l’obbligo di indossare una mascherina FFP2 su ogni mezzo, che siano bus o metropolitana a anche treni o navi. Le FFP2 saranno inoltre l’unico obbligatorie per poter accedere a qualsiasi spettacolo aperto al pubblico, e fino al 31 gennaio sarà obbligatorio indossare le mascherine all’aperto, anche se in questo caso sarà sufficiente la mascherina chirurgica.

Tutte le altre limitazioni restano tuttavia a discrezione delle autorità locali. A Bologna, ad esempio, il sindaco Matteo Lepore ha bloccato l’accesso a Piazza Maggiore dalla sera del 31 alla mattina del primo gennaio. A Bari il sindaco Antonio Decaro ha vietato i fuochi d’artificio. A Sassari non sono ammessi balli e musica nei pubblici esercizi, mentre nella città di Palau, in Gallura, saranno vietati tutti i pranzi o le cene sia all’aperto che al chiuso, se non tra parenti provvisti di Green pass.

LEGGI ANCHE: Meteo, da Natale a Capodanno scende il gelo su tutta la penisola

capodanno 2021 regole covid
(Ansa)

Una novità invece positiva rispetto al 2020 è la mancanza di alcun coprifuoco, e di conseguenza si potrà tornare a casa in qualsiasi ora lo preferisca. Come anche per quanto riguarda il turismo in uscita dall’Italia, che resta in ogni caso consentito. Anche se, per quanto riguarda i viaggi, la situazione resta comunque delicata e il quadro è di conseguenza in continua evoluzione, per questo si consiglia di guardare sempre il sito Viaggiare Sicuri della Farnesina.