Turchia, squadre richiamate in campo dopo il triplice fischio: il motivo

Clamoroso quanto successo in Turchia. Le squadre sono state richiamate in campo dopo il triplice fischio. Il motivo è diventato virale.

Pallone
Pallone (screenshot video YouTube)

Siamo in Turchia, la partita è quella tra Gazientep-Kasimpasa. Il direttore di gara assegna ben nove minuti di recupero ma, molto probabilmente per una distrazione, decreta la fine della partita dopo solo quattro.

Una disattenzione che ha portato il fischietto ad ammettere l’errore e richiamare le squadre in campo per far finire la partita. Molti dei giocatori, però, erano già sotto la doccia e sono stati costretti a rivestirsi per disputare gli ultimi cinque minuti. Alla fine il risultato non è cambiato e i padroni di casa hanno vinto per 2-0.

LEGGI ANCHE <<< Milan, ipotesi ritiro per Ibrahimovic? Lo svedese risponde e fa chiarezza

Una decisione, quella presa dall’arbitro, che potrebbe non aver favorito (almeno sulla carta) la squadra ospite. In caso di un mancato rientro in campo, infatti, toccava al Giudice Sportivo decidere se far disputare solo gli ultimi cinque minuti oppure l’intera sfida.

Il caos arbitri in giro per il mondo

Nelle ultime settimane il caos arbitri in giro per il mondo. L’episodio avvenuto in Turchia è solamente l’ultimo di una serie che ha coinvolto i maggiori campionati. Sicuramente questo è stata una disattenzione, ma altre squadre in passato sono state costrette a ritornare in campo anche per una decisione del Var.

LEGGI ANCHE <<< Mercato Milan, Kessie in scadenza: tifoso si scaglia contro di lui – VIDEO

Fortunatamente in questo caso non ci sono state particolari conseguenze sulla partita se non un episodio molto particolare. Il fischietto turco non si scorderà facilmente quanto successo in campo e molto probabilmente la prossima volta guarderà più volte il cronometro prima di fischiare il triplice fischio.

Una vicenda diventata virale sui social. In molti, infatti, hanno commentato quanto successo e sicuramente è stata presa sul ridere questo episodio. E la stessa reazione potrebbe essere arrivata dai giocatori chiamati in campo anche quando erano sotto la doccia.