Mondiali, la strana abitudine degli arbitri: le scelte che fanno discutere

Siamo ormai al secondo giorno dei Mondiali in Qatar e una strana abitudine degli arbitri sta facendo discutere. Ecco i dettagli.

I Mondiali sono iniziati ormai da poco più di 24 ore e gli arbitri sono già finiti al centro di una polemica. Nelle prime quattro partite, infatti, si è notata una strana abitudine da parte di tutti i direttori di gara e diciamo che queste scelte sono destinate a far discutere.

Arbitri Mondiali
La strana abitudine degli arbitri ai Mondiali – Notizie.com – © Lapresse

Stiamo parlando naturalmente dei minuti di recupero. Dopo una partita di esordio dove si è rimasti più o meno nella norma (10 minuti tra primo e secondo tempo ndr), in questo lunedì ci sono stati delle segnalazioni record. In Inghilterra-Iran in tutta la partita l’arbitro ha dato oltre 24 minuti. In Senegal-Olanda nel secondo tempo si è arrivati addirittura a dieci minuti di recupero. Stati Uniti-Galles, invece, è finita al 99esimo.

Recuperi da record che potrebbero decidere i match in futuro e naturalmente stanno provocando delle polemiche tra le squadre e i tifosi.

Recuperi da record, gli arbitri seguono le indicazioni di Collina

Collina
Gli arbitri stanno seguendo le indicazioni di Collina © Lapresse

Come detto, i recuperi da record stanno facendo discutere, ma gli arbitri stanno seguendo le indicazioni date da Collina poco prima dell’inizio del Mondiale. Ed è stato proprio il capo degli arbitri della Fifa alla vigilia dell’inizio della competizione ad anticipare il pugno duro dei fischietti con le perdite di tempo.

Abbiamo raccomandato agli arbitri di essere molto severi con le perdite di tempo – aveva detto Collina, riportato da tuttomercatoweb.com, nella conferenza stampa alla vigilia della competizione iridata – e di aggiungere tutti i minuti che serviranno a recuperare. Quattro anni fa in Russia abbiamo detto esattamente la stessa cosa e sono stati aggiunti sei o sette minuti. L’obiettivo è quello di offrire uno spettacolo migliore“.