Scuola, gli studenti dicono sì al Green Pass ma no all’obbligo vaccinale

Su 1.000 studenti, quasi 3 su 4 accetterebbero di buon grado il Green Pass per avere accesso agli istituti.

Mentre si discute dell’introduzione del Super green pass sui posti di lavoro, un’altra ipotesi è rendere il certificato vaccinale obbligatorio anche nelle scuole. La proposta è stata lanciata da diversi sindaci italiani, circa 200, che hanno proposto di rendere il pass necessario anche per le scuole dove i contagi si registrano innescando quarantene e blocco delle attività. Gli alunni delle suole primarie e secondarie, esattamente come accade per l’università a settembre, potrebbero dunque dover ricorrere al certificato. L’idea sembra incontrare parere positivo da parte dei ragazzi ed essere stata accolta con favore dai destinatari dell’eventuale provvedimento. A dirlo, un sondaggio effettuato da Skuola.net. Su 1.000 studenti, quasi 3 su 4 accetterebbero di buon grado il Green Pass per avere accesso agli istituti.

Leggi anche: Aosta, focolaio fra suore vaccinate con più di due dosi

Ad essere favorevole all’obbligo vaccinale è solo il 28% del campione, che spinge per la soluzione più estrema. Per il 45%, invece, bisognerebbe dare la possibilità anche a chi non è immunizzato di entrare a scuola, con il tampone. Solo il 27% si dice contrario a prescindere a qualsiasi forma di controllo. Tra i favorevoli al 100%, c’è chi sostiene di dover agire duramente contro il Covid, dando ragione ai sindaci promotori dell’iniziativa. La proposta avanzata è stata rilanciata da Matteo Ricci, sindaco di Pesaro e presidente di Ali-Autonomie Locali Italiane, per prevenire il ritorno alla Dad che potrebbe verificarsi visto l’aumento dei contagi nelle scuole.

Leggi anche: Napoli, alta tensione dopo il ko: Spalletti rimprovera il giornalista VIDEO

D’altra parte c’è chi sostiene che, così facendo, il diritto allo studio rischia di essere compromesso. I sindacati continuano a chiedere l’obbligo vaccinale così come la Lega. Intanto il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha aperto ad un possibile obbligo di Green Pass per i ragazzi più grandi. “Appare chiaro che, con il nuovo quadro disegnato dall’aumento dei contagi, dovuto anche alla variante Omicron, i nostri ragazzi stanno esprimendo l’esigenza di sentirsi al sicuro durante le ore di scuola”, ha detto Daniele Grassucci, direttore di Skuola.net, che ha commentato i dati del sondaggio.

“Ciò non toglie che l’obbligo vaccinale venga percepito ancora come una novità all’interno delle mura scolastiche. Solo dal 15 dicembre, infatti, è scattato l’obbligo per il personale. Gli studenti, poi, hanno ben presente il loro diritto allo studio, che in alcuni casi potrebbe andare in conflitto con una norma di questo tipo, come già sostenuto dai presidi. Non dimentichiamoci, infine, che in molti casi gli studenti, soprattutto minori, devono sottostare alle scelte e alle opinioni dei genitori”, prosegue.