Migranti, è ancora emergenza: diversi gli sbarchi in poche ore

E’ ancora emergenza migranti in Italia. Sono diversi gli sbarchi avvenuti nelle ultime ore e 300 persone sono in attesa di un porto.

Migranti Trapani
Lo sbarco a Trapani dei migranti (screenshot video YouTube)

Nonostante il peggioramento delle condizioni meteo, l’emergenza migranti in Italia non sembra avere fine. Anzi nelle ultime ore sono aumentati gli sbarchi anche autonomi nel nostro Paese e i centri di accoglienza continuano ad essere pieni.

Secondo quanto riferito da Fanpage, solo nella giornata di domenica 7 novembre 2021 Puglia e Calabria ha dovuto accogliere quasi 200 migranti. A questo numero si deve aggiungere gli 800 profughi (tra cui circa duecento minori) che in queste ore stanno sbarcando a Trapani dopo aver trascorso diversi giorni sulla nave Sea Eye 4.

LEGGI ANCHE <<< Migranti, è ancora emergenza: nuova imbarcazione in difficoltà

Si tratta di cifre che non si registravano ormai da diverso tempo e c’è preoccupazione per la tenuta del sistema d’accoglienza italiana. La speranza è sempre quella di poter trovare una soluzione europea per consentire ai migranti di essere ricollocati.

Ocean Viking in attesa di un porto

Migranti Ocean Viking
La Guardia Costiera in soccorso della Ocean Viking (screenshot video Twitter)

I numeri degli sbarchi sono destinati ad aumentare nei prossimi giorni. Le partenze dalla Tunisia e dalla Libia continuano ad avvenire senza sosta e al largo di Lampedusa c’è la Ocean Viking in attesa di un porto sicuro con i suoi 300 migranti ancora a bordo.

Una situazione all’interno dell’imbarcazione che sta peggiorando giorno dopo giorno. Solo nella giornata di domenica la Guardia Costiera è dovuta intervenire per portare in ospedale un bambino in gravi condizioni. Ma, al momento, da parte dell’Italia c’è stato un no allo sbarco di tutti gli altri migranti.

LEGGI ANCHE <<< Migranti, il Ministro Lamorgese prende posizione: dichiarazioni durissime

Un quadro complessivo, quindi, che non resta dei migliori e destinato a peggiorare nei prossimi giorni. Il premier Draghi continua ad insistere con l’Unione Europea per trovare un accordo sulla ricollocazione dopo gli sbarchi, ma ancora ci sono idee diverse e per questo motivo non sarà semplice arrivare ad una soluzione comune in davvero poco tempo.