Vaccini, nell’hub di Como arrivano i Carabinieri: dottoressa denunciata

Scatta l’indagine dei Carabinieri: la dottoressa era d’accordo con i pazienti per i vaccini, ma il piano a Como è saltato.

como dottoressa vaccini
La dottoressa a Como è stata denunciata (Youtube)

La dottoressa denunciata alla Procura della Repubblica non è riuscita a portare a termine il suo piano. I colleghi, nell’hub vaccinale di Lurata Caccivio, si sono insospettiti, e hanno notato alcuni atteggiamenti per così dire inadeguati alla professione che esercita. Inevitabile la telefonata ai Carabinieri, e nell’immediato l’intervento ha fatto luce su quanto accadeva. É scattata quindi una denuncia immediata, che avrà riflessi anche sui pazienti, in accordo con il medico di base.

Vaccini, denuncia alla dottoressa: ecco cosa è accaduto

vaccino Pfizergate
Vaccini falsi, scatta la denuncia a Como (Youtube)

La denuncia è scattata in riferimento ad un comportamento della dottoressa che ha insospettito i colleghi. In sostanza era riuscita ad ottenere l’ok per vaccinare 17 pazienti da lei curati nella sua normale attività. Al momento del loro arrivo però le somministrazioni non venivano effettuate, ma ai soggetti interessati era comunque rilasciato il Green pass.

Leggi anche: Vaccino Covid, scontro in diretta tv tra Brosio e Parenzo – VIDEO

Di fatto i pazienti risultavano regolarmente vaccinati, ma non ottenevano nessuna protezione dal Covid. La denuncia è partita dalla cooperativa di medici che si occupa della gestione dell’hub e della somministrazione vaccinale, alla quale la dottoressa era estranea ma attiva per “prendersi cura” di alcuni soggetti fragili. Tutto ciò non accadeva e dopo l’intervento dei Carabinieri la verità è venuta a galla. I pazienti arrivavano da diversi luoghi della Lombardia, in un sistema mascherato che ora costa una denuncia alla dottoressa.