Quirinale, per Renzi la corsa è un cartoon: attacchi a Conte, Letta e Berlusconi

Tutti nel mirino, anche Berlusconi: per Renzi la corsa al Quirinale si trasforma in un cartone animato, attacchi pesanti a Letta e Conte.

Il tempo stringe e gli accordi si moltiplicano. La corsa al Quirinale entra nel vivo, e cresce l’attesa per la riunione del centrodestra, dalla quale potrebbe essere esclusa la candidatura di Silvio Berlusconi. Al netto delle smentite su un ritiro del cavaliere, tutto lascia pensare che il passo indietro potrebbe essere imminente.

Matteo Renzi Quirinale
Matteo Renzi (Getty Images)

Lo conferma anche Matteo Renzi, deciso in un intervento ironico a Radio Leopolda a ricostruire i passaggi delle ultime ore. L’ex sindaco di Firenze considera chiuse le porte per il leader di Forza Italia. “Di fatto Berlusconi va verso il ritiro – ha affermato – e bisogna capire solo quali saranno le modalità. Lo avevamo detto l’altro giorno, ora se ne accorgono tutti, anche Sgarbi”. Duri attacchi anche a Letta e Conte. 

Leggi anche: Renzi a ruota libera: “D’Alema porta sfiga, Conte sa che Mattarella è un uomo?”

Renzi sulla corsa al Quirinale: “Qui, Quo, Qua fanno lo stesso tweet”

Matteo Renzi
Matteo Renzi attacca Conte, Renzi, speranza e Berlusconi © Getty Images

“Qui, Quo, Qua”. Per Matteo Renzi, Speranza, Conte e Letta sono paragonati ai tre personaggi tanto amati dai bambini e dagli appassionati di fumetti. “Hanno fatto lo stesso tweet – afferma – e non è il modo corretto. Io vorrei scegliere un presidente all’altezza, non un hashtag da diffondere sui social”. Su Berlusconi invece rincara la dose. 

Leggi anche: Berlusconi verso il Colle, Sacchi: “Gli sono riconoscente, ha coraggio e lo stimo”

“Se loro sono Qui, Quo, Qua, Berlusconi è Zio Paperone, ma la corsa adesso per lui è finita”. Chiarezza infine sulla scelta da parte di Italia Viva. “Domani vedremo i nostri grandi elettori – conferma -, e arriveremo al grande appuntamento con qualche elettore in più. Abbiamo bisogno di un presidente all’altezza e daremo una mano. Siamo abituati così”.

Impostazioni privacy