Berlusconi verso il Colle, Sacchi: “Gli sono riconoscente, ha coraggio e lo stimo”

L’ex allenatore del Milan, Arrigo Sacchi, commenta così la corsa al Colle di Silvio Berlusconi

Se fino a poco fa la candidatura di Silvio Berlusconi sembrava cosa certa, dopo settimane di lavoro alla caccia dei voti, sembra che l’ex Premier stia seriamente valutando di far cadere la sua candidatura. La decisione arriverà nelle prossime 48 ore, in vista del vertice dei leader che si terrà giovedì sera. Sembra che il cavaliere non abbia i voti sufficienti, ma le voci continuano a circolare in attesa di capire quale sarà quella vincente.

Parla di Silvio Berlusconi e della sua corsa al Colle anche Arrigo Sacchi, ex allentatore del Milan, che all’Adnkronos racconta: “Sono fuori dai giochi della politica ma di Berlusconi posso dire che gli sono riconoscente, è un amico e lo stimo, è stato lungimirante nel calcio e come imprenditore, di lui posso dire solo un gran bene, poi ha commesso anche degli errori ma ‘errare humanum est’. Per fare tutto quello che ha fatto lui ci vuole coraggio, ma il coraggio è figlio della conoscenza”.

Leggi anche: Pesaro, Donna muore per un doppio morso di un ragno violino

Sono molto riconoscente al presidente, ha avuto un gran coraggio e mi ha aiutato in modo sempre corretto, nel calcio ha fatto qualcosa che è andato oltre il sogno“, dice il tecnico. Dello stesso avviso anche Ariedo Braida, ex direttore generale del Milan Braida: “Berlusconi è una persona fantastica, chi lo conosce non può non amarlo. Io non mi occupo di politica e non la seguo più di tanto ma se diventasse presidente della Repubblica mi farebbe enormemente piacere. La sua storia parla per lui, ha avuto successo in tutti i campi nei quali si è cimentato: per il Paese sarebbe una garanzia”, aggiunge Braida.

Leggi anche: Aeroporti Usa: il 5g crea interferenze, le dure scelte delle compagnie aeree

Non la pensa così invece Renzo Ulivieri, presidente dell’Associazione italiana allenatori di calcio, che sulla candidatura di Berlusconi dice: “Il Monza è di proprietà di Berlusconi, il Quirinale mi pare che non lo sia. Meglio che resti a fare il bene del Monza. A questo benedetto paese serve un po’ di dignità”, risponde all’Adnkronos.

Impostazioni privacy