Covid, nuovo record di contagi in Premier: la provocazione di Ranieri

Covid, in Premier è boom di contagi: i numeri sono incredibili e Claudio Ranieri risponde ad una domanda di mercato lanciando un appello. 

covid premier
Covid in Premier, Claudio Ranieri è chiaro (Getty Images)

I numeri sui test effettuati e i casi di positività riscontrati in Premier destano preoccupazione. La Lega ha infatti confermato che nella settimana tra lunedì 20 dicembre e domenica 26 dello stesso mese, sono stati effettuati più di 15 mila test sui tesserati. Fra questi, sono risultate positive 103 persone fra calciatori e personale che lavora per i club. Numeri pesanti, che hanno prodotto poi una lunga serie di rinvii e un terremoto nei calendari.

Leggi anche: Dalla Spagna lanciano la bomba: “Ronaldo vuole il Barcellona”

Resta quindi alto il riflesso della quarta ondata in Inghilterra anche sul calcio. Delle sei gare di oggi, Arsenal-Wolverhampton e Leeds-Aston Villa saranno rinviate per evitare la circolazione del virus, che ha avuto un forte impatto negli spogliatoi dei club. E intanto il dibattito si allarga, con indicazioni chiare dagli allenatori. Klopp e Conte hanno ribadito la necessità di avere regole più chiare e precise per tutti. Claudio Ranieri invece ha lanciato una provocazione.

Covid in Premier, boom di contagi: Ranieri intanto pensa al mercato, con una chiara indicazione

Covid Premier
In Premier 103 contagi Covid in 7 giorni (Getty Images)

Il dibattito resta aperto. I tecnici si sono schierati in gran parte contro il blocco del campionato, e la Lega ha scelto di andare avanti fra precauzione e controlli frequenti. Intanto prima dell’ultimo match del Watford, Claudio Ranieri ha risposto alle domande della stampa, che resta in forte pressing per capire quali potrebbero essere i riflessi della pandemia sui prossimi incontri.

Leggi anche: Premier League, pioggia di critiche per Ronaldo: Cavani “salva” lo United

All’allenatore ex Roma è stato chiesto un parere sul mercato, con una domanda provocatoria. Da “Gran Sir” qualche il tecnico italiano è senza dubbio, la risposta è stata gentile ma diretta. “Mi chiedete se non sia meglio cercare sul mercato pedine che abbiano avuto il Covid o fatto i vaccini. A questo punto credo che potrebbe essere una soluzione”. Il virus stravolgerà quindi anche il mercato, che partirà a breve e per molti club sarà una soluzione viste le rose strette, i contagi e l’impossibilità di allenarsi seguendo le tabelle di marcia.