Follia Porto, la collaboratrice non è un medico: bufera sul club

Il Porto incassa polemiche pesanti ed è nella bufera: assunta una collaboratrice per curare aspetti dei calciatori ma non è un medico. I tesserati si indignano.

bufera porto
Il club guidato da Conceicao è nella bufera (Getty Images)

Il Porto incassa polemiche pesanti. Sui social, da alcuni tifosi, ma anche dalle figure interne al club. Una vera e propria bufera, in riferimento ad una nuova figura entrata nello staff medico nel mese di luglio. Si tratta di Madalena Aroso, che è entrata a far parte della equipe medica del club per curare alcuni aspetti dei calciatori a disposizione di Sergio Conceicao. 

Leggi anche: Cagliari, è caos: insulti a Joao Pedro che va dai tifosi a muso duro – VIDEO

Secondo A Bola, però, la figura scelta dal presidente Jorge Nuno Pinto da Costa, non sarebbe affatto un medico. E avrebbe uno stipendio assolutamente non in linea con quello che percepiscono altri collaboratori, indignati e decisi a protestare contro una scelta che sta facendo il giro del mondo.

Bufera Porto, la collaboratrice non è un medico: è una chiromante. E che stipendio!

Jorge Nuno Pinto da Costa e Conceicao
Jorge Nuno Pinto da Costa e Conceicao, il Porto incassa critiche (Getty Images)

Madalena Aroso sarebbe una chiromante. La avrebbe assunta il presidente del Porto per risollevare le sorti della squadra, spesso in difficoltà. Si tratterebbe di una figura che da anni il numero uno del club conosce e consulta, ed è stata inserita nello staff medico della società. Gli altri dipendenti non avrebbero preso bene tale scelta, anche perché la Aroso percepisce uno stipendio da 15mila euro al mese, assolutamente esagerato e poco conforme agli altri.

Leggi anche: Striscioni e insulti a Pirozzi: salta il passaggio alla Sambenedettese?

Se a questo dato si aggiunge che la società è sotto la lente d’ingrandimento della Uefa per il Fair Play finanziario, la vicenda assume contorni ancora più strani. E come se non bastasse, fra le polemiche e le critiche, alcuni tifosi sottolineano la notizia con il sorriso e un pizzico di rammarico. In campionato il club si contende il titolo con lo Sporting, ma in Champions il capitolo è già chiuso. Chiromante o no, per il presidente del Porto arrivano critiche pesanti, e a giudicare da alcuni infortuni, forse un altro medico avrebbe fatto comodo. Ma uno vero.