Tragedia in reparto, neonato muore soffocato: avviate le indagini

Una vera e propria tragedia quella che si è verificata nel reparto dove un neonato è morto soffocato. La Procura ha deciso di avviare le prime indagini del caso per cercare di fare chiarezza su quanto è successo nei giorni scorsi

Tragedia a Roma
Tragedia, morto neonato (Ansa Foto) Notizie.com

Un errore di distrazione, un momento in cui hai pensato tutt’altro oppure addormentarsi quando proprio non avresti dovuto. Sono cose che non dovrebbero assolutamente capitare quando hai a che fare con un neonato. Quello che è accaduto, pochi giorni fa, è stata una vera e propria tragedia. Una madre, infatti, mentre stava allattando il proprio piccolo si è addormentata. Quel gesto, purtroppo, è stato fatale per il piccolo che è deceduto. Soffocato. Per lui non c’è stato assolutamente nulla da fare. Tanto è vero che la Procura ha deciso di avviare una indagine per omicidio colposo. Sul corpicino del bambino è stato deciso di avviare l‘autopsia. Il tutto è accaduto nella notte tra il 7 e l’8 gennaio di quest’anno.

Precisamente nel reparto di ginecologia dell’ospedale Pertini. Secondo quanto riporta il ‘Corriere della Sera‘ pare che il piccolo sarebbe morto schiacciato dal peso della donna. Mentre la stessa lo stava allattando. A decidere dell’autopsia sono stati i pm. La donna (una ragazza di 30 anni) aveva dato alla luce il suo bambino solamente da tre giorni. Dopo che si era svegliata la tragica scoperta che la lascia inevitabilmente sotto shock. Purtroppo non poteva credere ai suoi occhi: dopo avergli dato la vita gliel’aveva tolta. Per un gesto di distrazione.

Tragedia al Pertini: si addormenta durante l’allattamento, morto neonato

Tragedia a Roma
Tragedia, morto neonato (Ansa Foto) Notizie.com

La stanchezza del parto, i giorni intensi e tutto il resto si erano accumulati proprio in quell’attimo. Una distrazione fatale che non ha lasciato nessuno scampo al piccolo. Ad accorgersi che qualcosa non stesse andando per il verso giusto è stata una infermiera che stava facendo il giro delle stanze per vedere se era tutto apposto. In quella stanza, però, si era appena consumato un dramma.

Una tragedia che si poteva evitare. I pm indagano per omicidio colposo, con la madre parte offesa nell’inchiesta. Secondo quanto riporta il protocollo sarebbe stato il personale a dover sorvegliare che il neonato venisse riportato nella culla dopo l’allattamento. Proprio per evitare i danni collaterali del “co-sleeping“. Purtroppo non si tratta affatto del primo caso che accade al mondo.