Gina Lollobrigida e quei 10 milioni d’eredità contesi dagli eredi

L’attrice italiana lascia un’eredità milionaria molto contesa vista anche la battaglia legale che va avanti da anni tra il figlio e l’assistente tuttofare

Una fortuna enorme che potrebbe ammontare a più di 10 milioni di euro, questo è quanto avrebbe lasciato Gina Lollobrigida, l’attrice tra le più amate dagli italiani, morta lo scorso 16 gennaio a 95 anni. Gioielli, quadri, una casa in Toscana e soprattutto la meravigliosa villa sull’Appia Antica dove viveva, ora saranno sicuramente al centro di un’aspra contesa.

L’attrice romana scomparsa a 95 anni – Notizie.com – Ansa foto

Gina Lollobrigida è stata la prima grande protagonista del cinema italiano, nata a Subiaco il 4 luglio del 1927, in carriera si era aggiudicata, tra gli altri, sette David di Donatello. La sua fama e la sua popolarità era legata al nuovo cinema italiano del neorealismo, si ritagliò ruoli di vigorosa passionalità popolana in cui affinava una recitazione da autodidatta, imprimendole la sua personalità. E’ stata la prima attrice italiana a lasciare le sue impronte nella Walk of Fame di Hollywood.

Un’eredità contesa

Dopo averla salutata, come si deve a una grandissima del cinema italiano e non solo, con la camera ardente in Campidoglio e poi con il giusto omaggio al funerale, arriva purtroppo in primo piano, come sempre in queste delicate situazioni, la questione eredità a prendersi gli onori della cronaca. Il testamento affidato a un notaio dovrebbe essere aperto nei prossimi giorni e sappiamo benissimo come gli ultimi anni della vita di Gina Lollobrigida siano stati segnati dalla lotta tra il figlio Andrea Milko Skovic e il suo collaboratore Andrea Piazzolla, accusato di circonvenzione d’incapace e per questo citato in tribunale.

Il processo attu,almente ancora in corso, sta accertando se Piazzolla si sia appropriato in maniera indebita di circa 3 milioni di euro tramite la vendita di tre appartamenti, opere d’arte e un’auto di lusso appartenuti alla Diva. Senza contare la variabile rappresentata dall’ex marito Francisco Javier Rigau, l’uomo che sostiene di averla sposata per procura anche se quel matrimonio fu sciolto dalla Sacra Rota, ma sarebbe stato iscritto nel registro delle unioni in Spagna.

La camera ardente allestita dal Comune di Roma – Notizie.com – Ansa foto

Rapporti tesi che complicano la situazione

Insomma, una situazione a dir poco ingarbugliata resa ancora più difficile da veleni e sospetti reciproci tra i protagonisti che renderanno ancora più complicato districare una ricchissima matassa. Se non esistesse un testamento l’intero patrimonio dell’attrice passerebbe al figlio, ma è davvero difficile pensare che in questi anni una situazione così delicata non abbia portato a redigere un testamento da parte dell’attrice. In questo caso al figlio Milko, in quanto erede della diva, spetterà senz’altro il 50 per cento del patrimonio.

La parte restante sarà destinata agli usi indicati nel testamento e non è detto che qualcosa non possa essere stata destinata proprio a Piazzolla, indicato dalla stessa Lollobrigida come uno oramai di famiglia. Resta poi il mistero di circa 200 milioni di dollari, accumulati nel corso della vita dall’attrice, che secondo alcune fonti potrebbero essere conservati negli Stati Uniti, ma nessuno ne sa davvero nulla.