Arriva all’improvviso la grandine? Ecco come proteggere la propria auto

Può capitare che, quando meno te lo aspetti, soprattutto in un momento di clima così instabile, possa esserci una tempesta

Una di quelle cose che quando ti colpiscono e arrivano all’improvviso possono fare male. E quando accade, spesso e volentieri, pochi sanno come proteggersi. Ora vi spiegheremo come poterlo fare. Di cosa parliamo? Della grandine che ha un potenziale particolarmente dannoso per le proprietà, per tutto ciò che riguarda l’agricoltura e, ovviamente, anche per le nostre automobili. E quando ci si imbatte nei famigerati chicchi, il conto da pagare al carrozziere per rimettere in sesto l’auto può essere assai salato e costoso.

L'evento
Alcuni grossi chicchi di grandine (foto Ansa)

Non sempre, per fortuna, una grandinata è sinonimo di devastazione: se i pezzi di ghiaccio non superano qualche millimetro di diametro, infatti, vetri e carrozzeria sono generalmente salvi. Il discorso però cambia non appena si superano diametri di uno o due centimetri. Una soluzione definitiva al problema non esiste, ma specialmente d’estate è possibile adottare alcuni comportamenti utili a limitare le conseguenze.

Alcuni rimedi per salvare la propria auto dai terribili chicchi

L'evento
Una macchina danneggiata dalla grandine (foto Ansa)

Se la grandine è un fenomeno atmosferico difficilmente prevedibile, è più probabile che esso si verifichi nel tardo pomeriggio e a inizio serata, e sempre in concomitanza di nubi temporalesche, ben distinguibili dalle altre per dimensioni (sono molto più grandi) e colore – sono scure, in alcuni casi alternate da strisce più bianche, indice visivo di una probabile grossa quantità di ghiaccio. Il monitoraggio in tempo reale delle perturbazioni attraverso i siti specializzati e la consultazione dei bollettini meteo di servizi meteorologici ufficiali, come quello dell’Aeronautica Militare Italiana, sono dunque strumenti utili a prevenire il peggio.

Cosa fare, poi, se non si ha modo o tempo di mettere l’auto al riparo? Anche in questo caso non esiste un sistema efficace al 100%, ma ci sono diversi strumenti utili a ridurre il rischio. Uno di questi, se non si dispone di un parcheggio coperto, è quello di dotarsi di un telo anti grandine: si tratta di una copertura simile a un normale di telo di protezione della carrozzeria, resa più spessa da uno strato di gommapiuma posizionato nella parte superiore per assorbire gli urti provocati dai chicchi. In assenza di un vero e proprio telo anti grandine, in caso di emergenza si possono anche usare vecchi teli e coperte