Bill Gates, la profezia fa tremare: “La prossima pandemia sarà letale”

Bill Gates torna a parlare del Covid in occasione di una donazione al fondo per i vaccini anti-Covid ai Paese più poveri

“La prossima pandemia sarà letale”: parola di Bill Gates. Il fondatore di Microsoft è ritornato a parlare del Covid in occasione di una nuova donazione di ulteriori 300milioni di dollari, fatta dalla Bill e Melinda Gates Foundation con la britannica Wellcome Trust, al fondo per i vaccini anti-Covid ai Paese più poveri.

“Nella mia personale lista di obiettivi voglio aggiungere quella di far si che il mondo sia preparato alla prossima pandemia. Negli ultimi due anni abbiamo avuto importanti scoperte scientifiche, abbiamo realizzato vaccini sicuri in un modo più veloce che in passato, ma abbiamo anche visto che la disuguaglianza nella distribuzione degli strumenti sanitari, la mancanza di fondi hanno lasciato troppe persone indietro e ad affrontare rischi alla loro salute”, ha detto Bill Gates.

Leggi anche: Roma, discarica chiede ampliamento: ecco la zona, decisione in 60 giorni

Abbiamo bisogno di un società più giusta, di accelerare la fornitura globale di vaccini in futuro, realizzare più dosi e distribuirle più equamente. Abbiamo anche bisogno di più strumenti per contenere rapidamente focolai nel momento in cui si verificano, grazie a test rapidi, prontamente disponibili, e migliori sistemi logistici per arginare più velocemente”, ha proseguito.

Leggi anche: CasaPound, sgomberato circolo futurista a Casal Bertone [VIDEO]

Insomma, per il filantropo fondatore di Microsoft le varianti Omicron e Delta sono state tra i virus più trasmissivi. Ma presto ci sarà un nuovo agente patogeno, contagioso e con un tasso di letalità potenzialmente molto più elevato. Una nuova epidemia, dunque, che per il fondatore sarà peggiore di quella che il mondo sta vivendo da due anni. In futuro, avremo malattie più gravi e tassi di mortalità molto più alti del coronavirus. Le sue parole sono state da subito interpretate come una profezia e del resto non sarebbe la prima volta. Già in passato, il fondatore di Microsoft aveva predetto lo scenario attuale della pandemia e le sue parole si erano rivelate esatte.

Impostazioni privacy