Afghanistan: i talebani vietano alle donne di viaggiare senza uomini

Il ministero della Promozione e della virtù ha emanato una legge che fa discutere: le donne non possono viaggiare sole oltre 70 km

I talebani vietano i viaggi alle donne senza uomini oltre i 70 km – GettyImages –

Tornano le notizie di divieti e limitazioni assurde in Afghanistan. E come spesso accaduto anche in passato, sono le donne ad essere vessate da leggi incredibili. I talebani tornano alla carica, annunciando un divieto che in poche ore ha fatto il giro del mondo, scatenando reazioni e commenti. Il Governo,  ha deciso di rendere pubbliche una serie di imposizioni e “raccomandazioni” che hanno scatenato il caos.

LEGGI ANCHE: Tv, i talebani scrivono nuove regole ma specificano: “Sono guide religiose”

Ennesimo passo indietro per i diritti delle donne in Afghanistan: i talebani hanno annunciato oggi il divieto per le donne di viaggiare da sole per lunghe distanze (oltre i 70 km circa) e che dovranno essere accompagnate da un uomo della famiglia. La raccomandazione, pubblicata dal ministero della Promozione della virtù e della prevenzione del vizio, che già circolava sui social, invita inoltre gli autisti a non accettare donne sui loro veicoli se non indossano il “velo islamico”, senza tuttavia precisare quale tipo di velo.

LEGGI ANCHE: Perugia, denuncia il marito per velo integrale. Caso archiviato

Afghanistan, scomparso un inglese

Divieti alle donne e persone scomparse, torna il terrore in Afghanistan -GettyImages –

Tutto questo mentre in Inghilterra è stata lanciata una notizia sconvolgente, che riguarda sempre l’Afghanistan. Un cittadino britannico risulta scomparso dopo essere stato arrestato dai talebani a Kabul. Lo ha specificato il Daily Mirror il giorno di Natale e la notizia è stata rapidamente diffusa da tutta la stampa del Regno Unito. Sui tratta di Grant Bailey, di circa 50 anni, un funzionario di una ong in Afghanistan. L’ uomo non ha più dato notizie di sé da sabato scorso, quando è stato arrestato sotto la minaccia delle armi, secondo una fonte della sicurezza britannica citata dal giornale. “Siamo al corrente della detenzione di un cittadino britannico in Afghanistan e siamo in contatto con la sua famiglia per sostenerla”, ha dichiarato un portavoce del ministero degli Esteri di Londra. Al momento non c’è alcuna conferma da parte dei talebani, mentre nel Regno Unito cresce la preoccupazione per il fatto che non si sa cosa gli sia successo, dove sia detenuto né per quale motivo, scrive il Daily Mirror, secondo cui Grant Bailey sarebbe tornato in Afghanistan lo scorso settembre, poco dopo il ritorno al potere dei talebani a Kabul in agosto.