Covid, colpo di scena in Germania: la decisione del Governo sulla Bundesliga

Il governo tedesco ha preso la decisione definitiva sulla Bundesliga dopo l’aumento dei casi Covid registrato in Germania.

Bayern Monaco
La decisione del cancelliere Scholz sulla Bundesliga © Getty Images

E’ arrivata la decisione definitiva del governo tedesco sulla Bundesliga dopo l’aumento dei casi Covid registrato nelle ultime settimane. Il cancelliere Scholz ha annunciato che dal prossimo 28 dicembre le partite si disputeranno a porte chiuse. Non è stata comunicata la durata del provvedimento e molto probabilmente già nei prossimi giorni ci saranno delle proteste da parte dei club.

LEGGI ANCHE <<< Covid, stretta del Governo: le nuove regole per entrare allo stadio

Ma da parte del Governo, come abbiamo detto in precedenza, non c’è nessuna intenzione di fare un passo indietro su questa misura. I numeri sono in forte crescita e si è deciso di mettere in campo il provvedimento per provare a fermare la risalita dei casi, ma nei prossimi giorni non sono da escludere ulteriori misure per contrastare la variante Omicron.

La variante Omicron fa ‘tremare’ il calcio europeo

Tifosi Roma
Le possibili decisioni del premier Draghi sulla Serie A © Getty Images

La variante Omicron fa tremare il calcio europeo. La Germania, infatti, non è l’unico Paese a decidere per le porte chiuse. Anche il Galles ha preferito adottare la stessa misura per cercare di fermare la risalita dei casi. Francia, Inghilterra e Spagna, almeno per il momento, hanno confermato la presenza del pubblico negli impianti sportivi, ma Parigi e Londra nei prossimi giorni potrebbero fare un passo indietro e scegliere le porte chiuse.

LEGGI ANCHE <<< Tamponi allo stadio, dietrofront del Governo: l’alternativa però è allarmante

L’Italia sembra essere intenzionata ad adottare una strategia diversa dagli altri Paesi europei. Il premier Draghi starebbe valutando la possibilità del tampone anche per i vaccinati per confermare la capienza al 70% negli stadi . Una misura che, almeno secondo quanto riferito da Gravina, rischia di portare ad un drastico calo della presenza dei tifosi per una questione di costi. Il confronto è sicuramente aperto tra Governo e Figc per trovare un compromesso e nelle prossime ore il presidente del Consiglio comunicherà la decisione definitiva ai vertici del calcio italiano e agli stessi club.