Covid, positivo un cane in Gran Bretagna: cosa significa per la scienza

É la prima volta che un cane risulta positivo al Covid in Gran Bretagna: ecco cosa c’è da sapere sul virus e gli animali.

Covid positivo cane
Covid, riscontrato un cane positivo in Gran Bretagna (screenshot video YouTube)

Per la prima volta un cane ha contratto il Covid in Gran Bretagna. Il contagio è stato scoperto nel Surrey, a Weybridge, in Inghilterra. Mentre a Singapore sono stati contagiati i leoni, e nel mondo alcuni gatti hanno contratto il virus, la notizia del cane contagiato ha fatto il giro del mondo, e gli istituti si sono allertati per capire quali siano i rischi per l’uomo e gli altri animali.

Leggi anche: Covid, stop di Singapore per cure mediche ai No Vax: è polemica 

La conferma è infatti arrivata dal laboratorio dell’Agenzia per la salute delle piante e degli animali, dopo che i proprietari si erano accorti di alcuni sintomi e si erano insospettiti. Ma cosa significa per la scienza? E quali sono i rischi effettivi per i padroni degli animali che contraggono il virus?

In Gran Bretagna un cane ha contratto il Covid: i medici chiariscono i rischi per l’uomo

cane positivo covid
Cane positivo al Covid in Gran Bretagna (Youtube)

Raffreddamento, tosse e starnuti. Dopo aver manifestato i sintomi riconducibili al Covid, i padroni del cane che ha contratto il virus hanno chiesto aiuto e hanno scoperto che le sensazioni erano realtà. Se per i bovini e i cammelli il contagio era già stato riscontrato, maiali, galline e cani sembravano fino a questo momento immuni.

Leggi anche: ESCLUSIVA: Massimo Resti (Meyer): “La vaccinazione nei bambini ha due vantaggi”

E invece la notizia ha allertato gli istituti, che però hanno chiarito che il passaggio dall’uomo ad alcuni animali è possibile, mentre non ci sono evidenze sul passaggio inverso. In Gran Bretagna infatti l’animale domestico ha contratto il Covid dai proprietari. Non ci sono attualmente certezze sulla possibilità ci contrarre il virus dagli animali, e i dati in tal senso azzerano i timori.