Berlino, diplomatico russo trovato morto nell’ambasciata: è giallo

Giallo a Berlino dove un uomo, un diplomatico russo, è stato trovato senza vita all’interno dell’ambasciata della città tedesca. Sono in corso le indagini

Berlino, diplomatico russo trovato morto
Berlino, forze dell’ordine al lavoro per la morte del diplomatico russo (screenshot video YouTube)

Una notizia di cronaca sconvolge Berlino ed anche la Russia. Nell’ambasciata tedesca (nei pressi della Behren Strasse), secondo quanto riporta il quotidiano ‘Der Spiegel‘, è stato trovato il corpo senza vita di un diplomatico russo all’interno dell’ambasciata tedesca. Si tratta di Kirill Zhalo, 35 anni e figlio di Aleksei Zhalo, ai vertici alti della Fsb. Quello che si sa di lui è che lavorava sotto copertura e che la notizia risale almeno al 19 ottobre.

LEGGI ANCHE >>> Indiana Jones, tragedia inaspettata: fan sconvolti

Sempre secondo il giornale pare che l’uomo sia deceduto per essere caduto dalla finestra dal piano superiore del palazzo. Il personale sanitario, una volta ricevuto l’allarme e corso sul posto, ha cercato in tutti i modi di rianimarlo ma per il 35enne non c’è stato nulla da fare visto che è morto sul colpo.

Il corpo è stato ritrovato intorno alle 7 di mattina nel quartiere ‘Mitte‘. Pare che l’uomo sia stato accreditato come secondo segretario d’ambasciata a Berlino da quasi due anni. In molti nell’ambiente, però, soprattutto l’intelligence tedesca ha sempre avuto il sospetto che si trattasse di una spia.

Giallo a Berlino, trovato corpo di un diplomatico russo

Pare che l’ambasciata russa non abbia dato il suo definitivo ‘ok’ per l’autopsia sul corpo dell’uomo. Non solo: il pubblico ministero non ha dato neanche il ‘via libera’ per iniziare una indagine in questa vicenda visto che l’uomo aveva lo status di diplomatico.

 LEGGI ANCHE >>> Roma, brutale femminicidio: i numeri in Italia sono allarmanti

Il corpo, in questo momento, si trova in Russia. Ci sono molti dubbi a riguardo, in primis per quanto riguarda le motivazioni della morte avvenute per cause “sconosciute“.