Indiana Jones, tragedia inaspettata: fan sconvolti

Dopo l’incidente durante le riprese del film Rust, ancora una tragedia sconvolge il mondo del cinema

Harrison Ford
Harrison Ford, protagonista di Indiana Jones 5, film che sembra accompagnato da una maledizione (Youtube)

Neanche il tempo per metabolizzare la tragedia avvenuta durante le riprese del film Rust, con l’uccisione della direttrice della fotografia a causa di un colpo sparato dall’attore Alec Baldwin, che l’industria cinematografica statunitense è costretta a fare i conti con una nuova disgrazia. Un brutto colpo per tutto il settore e, in particolar modo per i produttori di Indiana Jones 5, film che sembra accompagnato da una vera e propria maledizione e che rischia seriamente di subire ulteriori problemi. Le riprese della pellicola, in programma in Marocco, sono state sospese a causa di una tragica scoperta.

LEGGI ANCHE: Will Smith, la rivelazione che non ti aspetti

Nic Cupac, operatore di macchina di 54 anni, è stato ritrovato cadavere nella sua stanza d’albergo in Marocco. Ancora ignote le cause del decesso, anche se, da una prima ricostruzione, sembra che l’uomo sia morto per cause naturali. Cupac è un nome molto conosciuto nel mondo del cinema. Si tratta di uno storico operatore di macchina, protagonista nella realizzazione di Jurassic Park, Harry Potter e Star Wars. Sembra che sia stato proprio Harrison Ford a volerlo con se per la realizzazione del quinto film della saga di Indiana Jones.

LEGGI ANCHE: Alec Baldwin parla il colpevole: dichiarazioni shock

Indiana Jones, la maledizione continua

Il film sembra accompagnato da una vera e propria maledizione. Prima lo slittamento a causa del Covid (che ha fatto posticipare di un anno l’uscita della pellicola, inizialmente programmata per giugno 2021 e slittata a luglio 2022). Poi, la scorsa settimana, le riprese del film erano state sospese a causa del blocco dei voli tra Marocco e Regno Unito per la pandemia. Senza dimenticare che, Indiana Jones 5, aveva subito un brusco rallentamento in estate, a causa dell’infortunio alla spalla di Harrison Ford, che ha costretto la troupe a rimandare di tre mesi le riprese. La morte di Cupac potrebbe far slittare ulteriormente la produzione del film.