Viaggi: ecco cosa vogliono gli Italiani che viaggiano in treno

Viaggi iper connessi: ecco cosa cercano gli italiani in treno, quando pianificano le partenze tra ansia e organizzazione

In questi ultimi anni il treno si sta confermando sempre di più come il mezzo di trasporto prediletto dagli italiani. Questo vale in particolare per la GenZ che esprime un desiderio quasi unanime.

Viaggi: ecco cosa vogliono gli Italiani sul treno
viaggi in treno -Ansa-Notizie.com

Questa scelta generalizzata si riflette non solo sulle abitudini di viaggio ma anche sull’approccio emotivo che i giovani italiani verso l’esperienza del viaggiare. Come detto però, non sono solo i giovani della GenZ a scegliere sempre più spesso il trasporto ferroviario per spostarsi.

La pianificazione del viaggio: si lavora tra ansia ed eccitazione

La fase di pianificazione gioca un ruolo cruciale nell’esperienza complessiva del viaggio. Quattro persone su cinque dedicano grande attenzione a questo processo, coinvolgendo amici e familiari nelle decisioni.

Ecco come vogliono viaggiare in treno gli Italiani
Una cabina FrecciaRossa business -Ansa- Notizie.com

Tuttavia, questa fase è accompagnata da sentimenti contrastanti: indecisione, preoccupazione e stress affliggono più della metà degli intervistati. La GenZ si distingue per i livelli più elevati di ansia anticipatoria ma anche per una maggiore eccitazione ed energia.

Durante il viaggio, la necessità di rimanere connessi diventa ancora più evidente, soprattutto tra i giovani della GenZ che temono di perdere eventi importanti (FOMO). L’81,7% esprime preoccupazioni riguardo al mancare eventi significativi durante l’assenza. Nonostante ciò, la maggior parte dei viaggiatori sperimenta emozioni positive come energia e apertura alle novità.

Mentre la GenZ manifesta una forte dipendenza dalla connettività durante il viaggio, le generazioni più mature tendono ad apprezzare momenti di disconnessione che permettono loro di godersi pienamente l’esperienza. Questa differenza generazionale evidenzia come il bisogno costante di essere online influenzi profondamente l’approccio al viaggio.

Il ritorno a casa è accolto con sentimenti misti. Se da un lato c’è chi apprezza il ritorno alla routine quotidiana e all’affetto dei propri cari, dall’altro si manifestano ansia per la ripresa delle attività abituali e difficoltà nel mantenere i benefici psicologici acquisiti durante il viaggio. Trainline propone una playlist per cercare di prolungare lo stato positivo vissuto in vacanza anche nel rientro alla quotidianità.

L’indagine commissionata da Trainline offre uno spaccato interessante sulle abitudini dei viaggiatori italiani, mettendo in luce come la tecnologia influenzi profondamente non solo le modalità ma anche le emozioni legate al viaggio in treno. La ricerca sottolinea l’esigenza crescente della GenZ di rimanere sempre connessa rispetto alle generazioni precedenti che trovano nella disconnessione temporanea una fonte aggiuntiva di piacere del viaggiare.

Impostazioni privacy