Ultra atleta punta a un nuovo record impossibile: “Ce la posso fare”

È la storia di Matthieu Bonne, che dopo tantissimi traguardi raggiunti in carriera ora prova di nuovo a fare la storia del suo sport

L’ultima folle idea di un ultra atleta. Si tratta di Matthieu Bonne, nato a Ostenda, in Belgio: ha intenzione di correre 1038 chilometri in sei giorni su una pista da corsa di 400 metri a Merelbeke. La data da cerchiare sul calendario è il 24 marzo, giorno in cui proverà a battere il record. Infatti l’ultimo a riuscirci è stato un greco alla Cliff Young Australian 6 Day Race in Australia. Ha percorso 1.038,8 chilometri in sei giorni. 

È la storia di Matthieu Bonne, a caccia di un altro traguardo
Ultra atleta prova a battere un record praticamente impossibile – Notizie.com

Sul suo sito ufficiale si descrive come “un avventuriero con una grande passione per i viaggi e gli sport estremi in cui posso spendere tutte le mie energie. Negli ultimi anni sono riuscito a completare una serie di sfide straordinarie. Continuo a cercare sfide uniche”. Nel settembre del 2017 è arrivato a scalare il Monte Bianco, mentre l’anno successivo ha raggiunto addirittura la vetta del Cervino. Nel luglio 2020 invece, con la salita dell’Eiger, ha conquistato il titolo “The Alpine Big Three”.

I dettagli

Adesso però c’è una nuova avventura di fronte a lui. Per la prima volta in assoluto, la gara da 1038 chilometri andrà in scena nel suo paese, in Belgio, a Merelbeke. Per raggiungere il tanto agognato traguardo, il corridore deve percorrere ogni giorno una media di 173 chilometri, ovvero ben 432 giri e mezzo. “So che è quasi impossibile battere questo record, ma se c’è una cosa che amo fare è rendere possibile l’impossibile. L’ho già dimostrato in passato”, ha confessato. Nulla lo può fermare, almeno dal provarci. Tra le altre cose è stato protagonista di un “IronMan” e di un “Tour de Belgique” in bici da corsa.

La gara arriva in Belgio, Bonne proverà a vincere
Matthieu Bonne cercherà di vincere un’altra sfida – Notizie.com

Non solo su strada o terra, però, Bonne è un campione anche in acqua. Dopo il suo enorme successo nell’“English Channel Crossing”, nel 2019 ha completato una missione che a detta di tutti era semplicemente impossibile. Infatti è riuscito a nuotare senza sosta lungo la costa belga per una distanza totale di 67 km in 23 ore. Un traguardo incredibile che nessuno avrebbe mai immaginato. Ora lo aspetta un’altra sfida difficilissima, e sicuramente non si farà abbattere dall’apparenza come ha sempre dimostrato nella sua brillante carriera. Tutti i fan e gli appassionati muoiono dalla voglia di vederlo di nuovo all’opera per fare cose grandiose.

Impostazioni privacy