Meloni ‘striglia’ la Schlein: “Pd prenda distanze da parole De Luca”

La premier Giorgia Meloni “striglia” Elly Schlein: un chiaro invito alla segretaria del Partito Democratico a prendere le distanze dalle dichiarazioni di Vincenzo De Luca

Dichiarazioni che non sono assolutamente passate inosservate quelle rivelate dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Parole indirizzate contro il governo: “Imbecilli, farabutti, delinquenti politici‘. Il motivo di questo suo sfogo? Fare capire la propria posizione in merito all’argomento sui fondi di coesione. Ovviamente, in merito a ciò, è intervenuta la premier Giorgia Meloni che ha alzato la voce ed ha redarguito il partito politico di appartenenza del governatore campano, il Pd.

Bufera su parole De Luca
Giorgia Meloni striglia Elly Schlein (Ansa Foto) Notizie.com

Di conseguenza ha “tirato le orecchie” alla segretaria dello stesso, Elly Schlein. Lo ha fatto con un post su Facebook in cui ha invitato l’italo-svizzera a prendere le distanze dalle “intollerabili violenze verbali” ed “intimidazioni” di De Luca. Questa è una parte di quello che ha scritto la presidente del Consiglio: “Abbiamo atteso un segno di dissociazione e di condanna, finora inutilmente. Se non arrivasse, prenderemo atto del fatto che questi sono gli impresentabili metodi democratici del PD“.

Meloni avverte la Schlein: De Luca non tarda a rispondere

Sentitosi chiamato in causa non si è fatta attendere la risposta da parte del politico nativo di Salerno. Con un filo di ironia ammette di essere onorato e commosso per la dedica che gli ha rivolto la stessa premier. “Davvero non merito tanto. Stia serena: davvero non ha motivo né di zelarsi né di preoccuparsi“. Oltre a non rispondere sui vari temi, De Luca ha chiesto un immediato incontro alla presidente del Consiglio per parlare dei fondi destinati al Sud.

Bufera su parole De Luca
Vincenzo De Luca risponde alle parole della Meloni (Ansa Foto) Notizie.com

Sempre sui social network il governatore ha voluto fare qualche delucidazione a riguardo: “Illustre Presidente sappiamo io e lei quali sono i metodi democratici, ‘politicamente corretti’, per esercitare forme di discriminazione. Ma lei può immaginare davvero, insieme con il suo allievo Fitto, di prendere per i fondelli i suoi interlocutori? Con tutto il rispetto non è un cavallo per la sua coscia (come direbbe Montanelli!)“.

In conclusione ammette che, a prescindere da qualche sua parola, non le ha mai fatto del male con determinate dichiarazioni. Allo stesso tempo si è chiesto per quale motivo ha “evocato” il nome della segretaria del Pd. Come annunciato in precedenza spinge, quanto prima, per un incontro insieme ai rappresentanti dell’Anci Campania e del Sud per questa settimana (precisamente venerdì 16 febbraio), per dare risposte concrete ai loro territori.

Impostazioni privacy