Crosetto: “In Ucraina si va avanti e ora il Mar Rosso”

Il Ministro della Difesa irrompe suo temi caldi della politica internazionale e non non intende arretrare di un millimetro

Guerra chiama guerra, si dice spesso nel panorama internazionale. E quanto sta accadendo ormai da due anni in Ucraina, per non parlare di quello che succede in Medio Oriente che fa preoccupare e agita il clima e la politica internazionale, anche e soprattutto in Italia, dove a volte la tensione non manca quando si devono prendere decisioni. Come quelle sull’Ucraina di mandare armi e inviare soldi per sostenere il popolo e l’esercito guidato da Zelensky contro Putin. E capita a volte che ci possano essere incomprensioni, come quella della Lega che ha avanzato un po’ di dubbi sul proseguire a dare una “mano” agli ucraini.

Il ministro
Il ministro della Difesa Guido Crosetto (Ansa Notizie.com)

Un piccolo problema di assestamento all’interno della maggioranza, ma che pare subito rientrato, come lo stesso Ministro Guido Crosetto che, interpellato dal Cor Sera sul tema specifico, risponde senza problemi e senza ansie, sottolineando che non “ci sono spaccature all’interno della maggioranza”, anche perché, dice sempre il ministro della Difesa, sono “polemiche inventate“. Situazioni che non esistono, anche perché l’Italia con l’Ucraina si è esposta abbastanza come stanno facendo Germania, Francia e tutti i paesi della Ue.

Ora l’obiettivo è capire chi dovrà guidare la missione in Mar Rosso

Il tema
Il ministro della Difesa Guido Crosetto (Ansa Notizie.com)

Il tema era sulla mozione Romeo che poi è stata cambiata e riassestata, infine approvata da tutta la maggioranza, segnale che fa ampiamente capire quanto, spesso di recente, alcune situazioni vengano stravolte e come dice Crosetto inventate. Naturale che in Ucraina qualcosa da qui a breve dovrà cambiare, anche perché, pure all’interno della Comunità Europea, comincia a filtrare qualche timido malumore sui continui aiuti che non potranno essere infiniti, ma anche qui Crosetto non agita alcuna velina o ansia particolare: “Sono stufi tutti di questa guerra, gli ucraini, i russi, i francesi, i tedeschi, gli italiani, ma fino a quando non si stufa Putin…

Ora l’altro tema è su chi dovrà comandare la missione in Mar Rosso, una decisione che deve essere presa a breve, anche perché da tutelare ci sono il commercio e l’economia non solo dell’Italia ma anche della Ue. “Il problema è avere presto una missione efficace per tutelare la sicurezza delle navi commerciali e le nostre economie, oltre al diritto internazionale”, le parole del ministro Crosetto.

Impostazioni privacy