Iran-Pakistan, la tensione fa paura: scende in campo la comunità internazionale

La tensione tra Iran e Pakistan fa davvero paura. La comunità internazionale ha deciso di scendere in campo per portare i due Paesi ad abbassare i toni.

Il Medio Oriente fa paura alla comunità internazionale. La guerra in Israele non sembra essere destinata a finire in poco tempo e negli ultimi giorni si è aggiunta anche la tensione inedita tra Iran e Pakistan.

Tensione Pakistan-Iran comunità internazionale
Preoccupa la tensione tra Pakistan e Iran – Notizie.com – © Ansa

Gli attacchi incrociati tra i due Paesi hanno fatto alzare l’attenzione alla comunità internazionale e non sono mancate le reazioni per cercare di far ritornare la situazione alla massima tranquillità. Per il momento la strada si preannuncia in salita e per questo motivo si è al lavoro per cercare di far abbassare la tensione tra Iran e Pakistan.

L’appello dell’Onu

Tensione Pakistan-Iran comunità internazionale
L’Onu preoccupata per quanto sta accadendo – Notizie.com – © Ansa

Una delle prime ad intervenire è stata l’Onu con il segretario Guterres. Come riportato dall’Adnkronos, il numero uno delle Nazioni Unite ha chiesto a Iran e Pakistan di “esercitare la massima moderazione per evitare un’escalation delle tensioni“.

Anche la Cina si è detta “disposta a mediare tra i due Paesi“. Il portavoce del ministero degli Esteri ha anche sottolineato che la speranza è quella di vedere le due parti “esercitare calma e moderazione ed evitare una escalation. Siamo anche disposti a svolgere un ruolo costruttivo nell’allentare la tensione, se entrambi lo desiderano”.

La posizione degli Stati Uniti

Tensione Pakistan-Iran comunità internazionale
Anche Biden è intervenuto sulla vicenda – Notizie.com – © Ansa

Gli Stati Uniti sono intervenuti su questa vicenda direttamente con Joe Biden. Il presidente americano ha sottolineato che “l’Iran non è particolarmente ben visto nella regione. Non sappiamo in che direzione andrà la tensione, ma stiamo studiando la situazione“.

Il consiglio di Sicurezza Nazionale, comunque, “sta monitorando con molta attenzione questa vicenda“. E Kirby ha confermato che la Casa Bianca non ha intenzione di “vedere una escalation nell’Asia centro meridionale e siamo in contatto con i nostri interlocutori“.

Impostazioni privacy