Caso Pozzolo, atteso Delmastro in Procura per la deposizione

Il sottosegretario alla Giustizia verrà sentito per dare la propria versione dei fatto su quanto accaduto a Capodanno

Delmastro in Procura per il caso Pozzolo. Il sottosegretario alla Giustizia si sta recando a Biella dove è prevista la sua deposizione sui fatto del 31 dicembre scorso, dove il deputato Emanuele Pozzolo avrebbe ferito con la sua pistola l’operaio Luca Campana, genero del capo scorta di Andrea Delmastro. E quest’ultimo verrà sentito come testimone dalla Procura proprio per avere anche la sua versione dei fatti, anche se il funzionario della Giustizia ha sempre detto, anche davanti ai carabinieri quella stessa sera, di non aver visto nulla proprio perché non era in quel momento dentro la sala.

Il sottosegretario
Il sottosegretario della Giustizia Andrea Delmastro Delle Vedove in televisione (Ansa Notizie.com)

C’è anche da sottolineare una cosa che tutte le ricostruzioni e le versioni date fino adesso dalla forze dell’ordine concordano sul fatto che Andrea Delmastro non fosse presente mentre accadeva l’incidente, ovvero lo sparo e il ferimento del povero elettricista Luca Campana, anche perché era fuori dalla sala perché stava caricando la sua macchina che era in strada. In tutto, oltre a Delmastro, secondo quanto si è venuto a sapere da fonti della Procura di Biella, dovrebbero essere in quattro le persone informate sui fatti che andranno davanti alla Procuratrice Teresa Angela Camelio con la Pm Paola Francesca Ranieri: due di loro sono esponenti biellesi di Fratelli d’Italia, e tra questi ci dovrebbe essere Davide Zappalà, testimone oculare.

La vittima a Striscia: “Mi ha sparato, neanche mi ha chiesto scusa”

Il responsabile
Il deputato di Fdi Emanuele Pozzolo insieme a Francesca Delamstro, sorella di Andrea (Facebook Notizie.com)

Del caso Pozzolo, se ne è occupato anche il Tg satirico di Mediaset di Antonio Ricci, Striscia la Notizia, visto che consegnerà il famoso Tapiro d’Oro “medicamentoso” a Luca Campana, il biellese di 31 anni, rimasto ferito alla gamba, nella notte di Capodanno a Rosazza, dal colpo esploso dalla mini-pistola di proprietà del deputato Emanuele Pozzolo. “Non ci siamo più sentiti da quella sera, comunque mi ha sparato e ancora non mi ha mai chiesto scusa“, le prime anticipazioni delle frasi dell’operaio rese a Valerio Staffelli.

Impostazioni privacy