Ancora una tragedia in mare, barcone contro gli scogli: bilancio gravissimo

Ennesima tragedia in mare: un barcone pieno di migranti si è andato a scontrare con degli scogli. Il bilancio è gravissimo. Occhiuto: “Dov’è l’Europa?”.

Un nuovo naufragio di migranti ha scosso l’Italia intera. Questa mattina sulla spiaggia di Steccato di Cutro, in provincia di Crotone, sono stati rinvenuti diversi cadaveri di migranti, trasportati nella notte molto probabilmente dal mare dopo lo scontro tra l’imbarcazione e alcuni scogli.

Migranti
L’imbarcazione si è spezzata in due – Notizie.com – © Ansa

Stando alle prime informazioni, l’imbarcazione era diretta verso Crotone quando, per motivi ancora da accertare, ha finito la propria corsa contro gli scogli andando a spezzarsi in due. Il primo bilancio è almeno di oltre 50 morti e 80 sopravvissuti, ma il numero delle vittime potrebbe essere molto più grave. Sul barcone c’erano almeno 130 persone e quindi sono in corso le ricerche per trovare i dispersi. Secondo quanto riferito dall’Ansa, sarebbe stato fermato il presunto scafista: si tratterebbe di un cittadino turco. Sul barco era presente anche un altro documento, ma la persona non è ancora stata rintracciata.

Naufragio di migranti nel crotonese, si cercano i dispersi

Ricerche migranti
Le ricerche dei migranti proseguono senza sosta – Notizie.com – © Ansa

La ricostruzione di questa ennesima tragedia è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni che si hanno a disposizione, sull’imbarcazione c’erano circa 250 persone provenienti da Iran, Pakistan e Afghanistan e molto probabilmente la loro meta era una delle spiagge del crotonese.

Nella notte, però, il forte vento e il mare agitato ha messo in difficoltà il natante, che non ha retto ed è andato a schiantarsi contro gli scogli a pochi metri da Steccato di Cutro. La tragedia è stata scoperta nelle prime ore di questa domenica quando sulla spiaggia della cittadina calabrese sono stati rinvenuti i primi corpi delle vittime. Immediato l’intervento della Capitaneria di porto e della Guardia di Finanza, che sono riusciti a trarre in salvo una cinquantina di migranti.

Al momento, come detto in precedenza, il bilancio è di oltre 50 morti (tra le vittime diversi bambini), ma si tratta di un numero provvisorio visto che sono diversi i dispersi (sull’imbarcazione erano almeno 130).

Occhiuto: “La Calabria in lutto”

Occhiuto
Il governatore Occhiuto ha attacco l’Europa – Notizie.com – © Ansa

Sul posto è arrivato immediatamente il sindaco di Cutro, che ai giornalisti ha spiegato: “Erano già arrivati dei dei migranti, ma non c’era mai stata una tragedia di queste dimensioni“. E il governatore Occhiuto ha aggiunto: “La Calabria è in lutto, dove è l’Europa?“.

Il premier Meloni sui social ha espresso “profondo dolore per le tante vittime umane stroncate dai trafficanti di uomini. E’ criminale mettere in mare una imbarcazione lunga appena 20 metri con ben 200 persone a bordo e previsioni meteo avverse“.