Juventus, raffica di disdette a Dazn: la protesta è virale

I tifosi bianconeri mandano in tendenza la richiesta di disdire Dazn: monta la protesta, i numeri diventano pesanti. 

Una sentenza dura da digerire, forse attesa, ma non nella portata di una condanna a 15 punti di penalizzazione che dovrà trasformarsi in una rincorsa difficilissima al quarto posto in classifica.

disdette dazn
Raffica di disdette dopo la sentenza sulle plusvalenze (Ansafoto) notizie.com

Allegri, con il volto teso, ha chiarito che l’unico obiettivo è fare punti, mentre la società annuncia battaglia e i calciatori reagiscono sui social. Bonucci ha invitato la squadra ad essere unita, Vlhaovic a non mollare e a non avere paura di qualche punto in meno in classifica, e in generale i calciatori bianconeri hanno invitato l’ambiente a rialzare subito la testa. In questa partita però anche i tifosi stanno facendo la loro parte, e hanno messo nel mirino le piattaforme che trasmettono le partite di calcio.

Sui social monta quindi la protesta, e l’hashtag “DisdettaDazn” entra prepotentemente in tendenza con migliaia di tweet. Una sorta di invito a dare una “dimostrazione di compattezza”, come scrive un tifoso sui social, ma anche a “non alimentare economicamente la Lega”, come sottolineano altri. La protesta, però, si sta trasformando in una reale raffica di disdette, che potrebbero creare un problema non da poco.

“Basta con questa buffonata”: tifosi della Juve imbestialiti sui social

dazn disdetta
Bufera su Dazn, i tifosi della Juve protestano – Ansa –

C’è quindi chi fa i conti in tasca gli altri club, chi mette nel mirino operazioni di altre società di Serie A con tanto di cifre per alcune cessioni che secondo i tifosi bianconeri destano non pochi sospetti. L’idea di disdire Dazn e Sky però ha preso piede, e i numeri iniziano ad essere pesanti. 

I dati arrivano direttamente da alcuni utenti che fanno i conti, e svelano cosa potrebbe accadere. “Una media di 35 euro al mese, per i 9 mesi di campionato – scrive un tifoso bianconero –, fa circa 315 euro a stagione. Con 500 mila disdette (non 2 0 3 milioni), le Tv perderebbero oltre 155 milioni di fatturato”. La cifra di possibili stop agli abbonamenti citata dal sostenitore della Juve, almeno in questa fase, sembra sovrastimata, ma i numeri che iniziano ad arrivare parlano di molti stop agli abbonamenti.

Un dato di certo da non sottovalutare in riferimento ad una squadra che ha circa 8 milioni di tifosi in Italia, soprattutto in considerazione di una protesta che ha spinto molti di essi a bloccare gli abbonamenti. Si rischia quindi una vera e propria doccia gelata quindi, che dando un’occhiata all’Hashtag “disdettaDazn” su Twitter, inizia a prendere piede in maniera prepotente.

Pare infatti che in Puglia le disdette siano già molte, e si moltiplicano le foto di chi ha provveduto a interrompere il proprio contratto, con l’invito ad altri tifosi a fare lo stesso in una vicenda che si arricchisce di una vera e propria risposta compatta su un terreno molto scivoloso per la Lega.