Arbitro a muso duro contro Mou: “Ci saranno provvedimenti”

Il direttore di gara non si risparmia: “I calciatori giallorossi sono abituati ad un atteggiamento sbagliato, credo proprio sia una strategia

 

Mourinho contro gli arbitri e gli arbitri contro Mourinho. Una vecchia storia. Ma stavolta, nonostante il tecnico giallorosso non abbia detto nulla, a parlare sono i giocatori della Roma direttamente in campo, ma non con parole, bensì con i loro atteggiamenti e il loro modo di giocare e di interagire con i direttori di gara. E se lo nota uno come Mauro Bergonzi che ha smesso qualche anno fa e che ha una certa esperienza, vuol dire che qualcosa c’è e che, son solo, qualcosa sia stato studiato a tavolino. Insomma, secondo l’ex arbitro Mauro Bergonzi, attuale moviolista di Mediaset, c’è una sorta di premeditazione.

La protesta
Mourinho e gli arbitri un rapporto logoro da anni (Ansa Notizie.com)

L’ex arbitro italiano proprio non ci sta e, prima di tanti altri, e mentre commenta i vari casi della 18.a giornata, ha voluto soffermarsi sul posticipo domenicale Roma-Fiorentina, su un aspetto che pochi hanno analizzato, criticando aspramente i giallorossi per l’atteggiamento dei giocatori in campo: “Guardavo la partita e mi immedesimavo in Giua, il quale ha mostrato tanta personalità. Tuttavia, in tutte le circostanze nelle quali fischiava, era intralciato dai giocatori della squadra di casa, credo sia una strategia”.

“Non è bello vedere dei professionisti comportarsi in questo modo. Un invito alle squadra a calmarsi”

La protesta
Una protesta durante il derby tra Roma e Lazio (Ansa Notizie.com)

Bergonzi continua nella sua accorata protesta contro il modo di fare dei giallorossi e attacca senza freni: “I calciatori giallorossi sono abituati a questo atteggiamento sbagliato, che condurrà a probabili conseguenze. I direttori di gioco dovrebbero difendersi da questa condotta, ci saranno sicuramente dei provvedimenti

E rincara la dose: “Nelle situazioni gestibili sul terreno di gioco è possibile che si possa chiamare “a lupo a lupo”. Vedi Fazio ieri con la Salernitana, quando ha commesso il fallo del rigore. In quella situazione è intervenuto il Var, ed è stato poi assegnato il rigore, ma il difensore ha protestato per quella decisione. Per quale motivo, se si considera che l’intervento è stato commesso in area di rigore? Alcuni calciatori non sono ancora abituati a questa tecnologia. Alla fine di alcune partite degli arbitri sono esausti, a volte la direzione di gioco è particolarmente pesante. Un invito alle squadre a calmarsi; ho vissuto e frequentato questo ambiente ed è necessario darsi una regolata, perché altrimenti si riscontrano difficoltà evidenti“.