Striscia la Notizia, parla l’ex socio di Soumahoro: “Li pagava per i selfie”

Anche Striscia la Notizia ha deciso di occuparsi di Soumahoro, andando a cercare il suo ex socio. Le accuse parlano chiaro.

Come già successo in passato, il noto tg satirico ha deciso di entrare a gamba tesa all’interno di una vicenda che proprio in questi giorni sta tenendo banco ovunque e che riguarda l’onorevole Soumahoro.

Striscia la Notizia
Striscia la Notizia, foto fonte Mediaset. Notizie.com

Per farlo, uno dei loro inviati, Pinuccio, si è recato a parlare con Soumaila Sambare, ex socio di Soumahoro nella Lega Braccianti, ovvero l’associazione che aveva il compito di  tutelare i lavoratori nei campi: grazie a questa lunga intervista ha risposto alle accuse dell’onorevole, accusandolo a sua volta.

È una bugia, non lo abbiamo mai fatto. Gli abbiamo solo chiesto di metterne una parte in un conto corrente da cui avremmo potuto attingere per i problemi del ghetto, senza dover ogni volta aspettare che lui scendesse da Roma” è questa la risposta in merito alle parole dello stesso Soumahoro, che proprio nel programma Piazza Pulita, ha parlato dei suoi ex soci sottolineando come gli avessero chiesto come stipendio, i soldi delle donazioni all’associazione.

Striscia la Notizia incastra Soumahoro: le accuse del suo ex socio

Lui ha approvato, ci ha detto che avrebbe caricato i soldi su una carta, ma non l’ha mai fatto. Con quei soldi Aboubakar pagava i braccianti che posavano per i selfie che poi lui postava. Gli dava 50 euro dicendogli di non andare a lavorare, ma di aspettare lui per fare le foto. E per organizzare la protesta di Torretta Antonacci aveva reclutato alcuni migranti di Borgo Mezzanone” queste le parole dell’ex socio Soumaila Sambare.

Soumahoro, foto fonte Ansa. Notizie.com

Delle parole davvero forti e importanti quelle dette ai microfoni di Striscia la Notizia che in un certo senso aggravano ancora di più la posizione di Aboubakar Soumahoro, finito al centro di una grande polemica per lo scandalo delle cooperative sociali gestite dalla moglie e dalla suocera e anche per i fondi spariti dalla Lega Braccianti. Non resta che attendere per scoprire se ci saranno ulteriori repliche a queste parole.