Germania, protesta tedesca e i dubbi su Neuer: “Che fascia indossa?”

Qatar, Neuer insieme ai suoi compagni di squadra della Germania hanno sfidato apertamente la FIFA. Lo hanno fatto poco prima del fischio di inizio del match contro il Giappone

Manuel Neuer sfida la FIFA
Manuel Neuer (Foto LaPresse)

Inizia il Mondiale anche per la Germania. Considerata una delle favorite alla vittoria finale insieme ad altre squadre. Anche se non sono mancate affatto le polemiche. Già alla vigilia del match. Infatti non si è parlato d’altro se non di una questione: ovvero la fascia di capitano di Manuel Neuer. Non è un mistero che il portiere tedesco, in più di una occasione, abbia indossato la fascia “arcobaleno” che significa “Nessuna discriminazione“.

Poco prima dell’inizio del match contro il Giappone era stata pubblicata una foto sull’account ufficiale della Coppa del Mondo. Una vera e propria sfida dell’estremo difensore tedesco nei confronti della FIFA. Si vede la fascia “arcobaleno” sopra la sua maglia nello spogliatoio. La Federazione calcistica è stata chiara: chiunque abbia indossato quel tipo di fascia avrebbe ricevuto un cartellino giallo.

La Germania sfida la FIFA [FOTO]

Fino ad ora le telecamere non hanno inquadrato il portiere. Neanche nello scambio dei gagliardetti e nel momento di scegliere il campo con gli arbitri e l’altro capitano Nagatomo. Gli utenti del web hanno lanciato un dubbio: la indossa oppure no? Per molti pare che il calciatore abbia deciso di indossarla, ma di coprirla con la maglia. Tanto è vero che le telecamere stanno evitando di inquadrarlo ancora adesso.

Nel momento delle foto di rito la Germania ha voluto mandare un forte segnale. In che modo? Da come potete vedere nell’immagine in alto si sono coperti la bocca con la mano. Segno del fatto che non possono parlare ed esprimere il loro pensiero. In questo modo si allude, facilmente, alla censura imposta dalla FIFA. Anche Simon Kjaer, capitano della Danimarca, ha commentato la faccenda dei diritti umani in Qatar.

Questo il comunicato da parte della Federazione tedesca: “Con la nostra fascia da capitano abbiamo voluto dare l’esempio dei valori che viviamo in Nazionale: la diversità e il rispetto reciproco. Sii forte insieme ad altre nazioni. Non si tratta di un messaggio politico: i diritti umani non sono negoziabili. Questo dovrebbe essere ovvio. Purtroppo non lo è ancora. Ecco perché questo messaggio è così importante per noi. Bandirci dalla benda è come bandire le nostre bocche. La nostra posizione è valida“.