Qatar 2022: la vera quota rosa sarà negli arbitri

Tra le tante polemiche per la Coppa del Mondo in Qatar, alcune riguardano anche i diritti delle donne, ma dagli arbitri arriva un segnale 

Tra le tante novità che sono piaciute poco agli appassionati dei Mondiali in Qatar ce ne è  una epocale, quella di aver aperto le porte, per la prima volta in 92 anni, alle donne introducendo tra i fischietti e gli assistenti convocati per le partite della fase finale ben tre arbitri donna.

I tre arbitri donna a Qatar 2022 –

L’edizione numero ventidue della Coppa del Mondo di Calcio scatta in questo weekend in Qatar. Per la prima volta un paese del Medio Oriente organizza la rassegna iridata e per farlo è stata programmata in autunno. Sarà l’ultima edizione con 32 nazioni partecipanti perché dalla prossima si passerà a un torneo a 46 squadre.

La quota rosa che avanza

Grande svolta nella storia delle donne arbitro ai Mondiali e anche grande segnale che arriva in un paese dove i diritti delle donne non sono proprio al massimo della considerazione, per la prima volta nella storia infatti tre donne arbitro e tre guardalinee sono state selezionate nella lista di direttori di gara per Qatar 2022. In particolare, tra i 36 arbitri scelti dal Comitato della Fifa, presieduto da Pierluigi Collina, ci sono la francese Stephanie Frappart, già presente a Euro 2020, la ruandese Salima Mukansanga e la giapponese Yoshimi Yamashita. Saranno le prime donne ad arbitrare una partita di Coppa del Mondo in 92 anni di storia della competizione.

“Questo conclude un lungo processo iniziato diversi anni fa con il dispiegamento di arbitri femminili nei tornei junior e senior maschili FIFA. In questo modo, sottolineiamo chiaramente che è la qualità che conta per noi e non il genere. Spero che in futuro, la selezione di arbitri femminili d’élite per importanti competizioni maschili sarà percepita come qualcosa di normale e non più sensazionale”, ha sottolineato Collina.

Anche tre guardalinee donna saranno presenti alla Coppa del Mondo –

Tre arbitri e tre guardalinee donna

Yoshimi Yamashita a rappresentare il continente asiatico, già presente alla Coppa del Mondo femminile FIFA 2019 e alle Olimpiadi estive del 2020, Stephanie Frappart per l’Europa è stata già la prima donna ad arbitrare una partita di Champions League ed era presente anche Euro 2020, mentre Salima Mukansanga rappresenterà la federazione africana, ed era presente anche ai Mondiali femminili 2019, alle Olimpiadi di Tokyo e nella Coppa delle nazioni africane 2021.

Inoltre tra i tra i 69 assistenti troviamo Neuza Back (Brasile), Karen Diaz Medina (Messico) e Kathryn Nesbitt (Usa). L’Italia a questo mondiale sarà  rappresentata da Daniele Orsato che arbitrerà la partita inaugurale, inserito nel primo gruppo degli arbitri, Ciro Carbone Alessandro Giallatini, tra gli assistenti, e Massimiliano Irrati Paolo Valeri, nella squadra addetta al Var.