Bufera sulle frasi di Alberto Rimedio: il web si scatena (VIDEO)

Il telecronista, prima voce Rai, è protagonista di un clamoroso scivolone durante la cronaca del match tra Belgio e Canada

Bufera su Alberto Rimedio per la sua cronaca – Ansa –

Forte imbarazzo in Rai per le parole di Alberto Rimedio durante la gara tra Belgio e Canada, match valevole per i Mondiali in Qatar. Il telecronista di punta della Rai (che racconta anche le gare della Nazionale) ha rilasciato, all’inizio del suo collegamento, delle dichiarazioni che hanno scatenato durissime reazioni sui social.

Rimedio è stato accusato di razzismo, avendo apostrofato i componenti della quaterna arbitrale con dichiarazioni che non sono piaciute a nessuno. “C’è un venezuelano a guidare il Var, l’Avar è invece un colombiano, mentre l’arbitro è dello Zambia: ci sono davvero tante razze”. Sui social si è scatenato il finimondo. Rimedio è finito al centro delle polemiche e con lui tutta l’azienda pubblica.

Uno scivolone inaspettato, tanto più che la Rai in questi giorni ha curato con attenzione tutti i risvolti legati al Mondiale: dalle polemiche sulla fascia arcobaleno ai gesti dei calciatori di Iran e Germania. Sentire la prima voce Rai parlare di “razze” ha fatto scalpore. Lo stesso cronista si è sentito in dovere di effettuare una rettifica. Arrivata all’inizio del secondo tempo.

Le scuse di Alberto Rimedio dopo le frasi in diretta – Ansa –

Pochi secondi dopo il calcio d’inizio dei secondi quarantacinque minuti, il telecronista è tornato sull’argomento, regalando una rettifica. “Permettetemi una precisazione, ci tengo molto perchè si sono scatenate delle polemiche sui social: ho utilizzato un termine improprio in apertura di telecronaca parlando di razze a proposito delle varie nazionalità degli arbitri, tutte diverse. Naturalmente non c’era alcun intento discriminatorio: mi scuso se è stato interpretato in questo senso, ma è veramente lontanissimo dal mio pensiero. La parola giusta era nazionalità. Ho usato un termine improprio, ma volevo spiegare bene perchè a queste cose ci tengo moltissimo. Spero che possiate capire: è stato un errore nella concitazione della diretta. Parlavo di nazionalità diverse: nient’altro”.

Social scatenati


Parole che hanno diviso i social. Alcuni hanno apprezzato il dietrofront credendo alla buona fede del cronista, altri hanno trovato la toppa più pesante e grande rispetto al buco creato. Rimedio ha poi continuato la cronaca senza problemi, raccontando i secondi quarantacinque minuti di gioco in compagnia della seconda voce Di Gennaro.