Arriva il treno in Basilicata: storia di un miracolo all’italiana

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il bando di gara per la realizzazione di una rete ferroviaria che collegherà finalmente Matera e la Lucania al resto dell’infrastruttura nazionale

A volte i miracoli si realizzano. Avrà pensato così l’assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità della Regione Basilicata, la leghista Donatella Merra. Matera infatti potrebbe essere finalmente collegata al resto delle reti ferroviarie italiane. Un miracolo appunto, considerato come i Lucani abbiano dovuto attendere il 2023 per sentirsi un po’ più inclusi nel paese.

Nuovo treno in Basilicata per Matera
Città di Matera – Notizie.com

Arrivare da quelle parti in effetti è pressoché impossibile se non lo si vuole fare in auto o in pullman. Di aeroporti funzionanti neanche l’ombra, quello di Bari per la provincia di Matera e quello di Napoli Capodichino per la provincia di Potenza i più vicini, ma se pensiamo al trasporto su rotaie si rischia davvero di scadere in una vergogna tutta italiana. Una ferrovia ci sarebbe, quella dotata dei vagoni più antichi d’Italia, la Salerno-Potenza. Arrivati al capoluogo però lo stop, è impossibile raggiungere l’altra provincia Lucana con il treno.

La nuova linea Ferrandina-Matera la Martella

La svolta sembrerebbe arrivata, è l’assessore Merra a darne l’ufficialità. Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea è stato pubblicato il bando per l’appalto per la realizzazione della linea Ferrandina-Matera la Martella. Opera di Rete Ferroviaria Italiana (Rfi), società del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane (FS). Una rete lunga venti chilometri a binario unico.

Binario unico Ferrandina-Matera la Martella
Arriva il treno in Basilicata – Notizie.com

L’investimento da 429 milioni di euro permetterà finalmente di collegare la città di Matera all’infrastruttura ferroviaria nazionale. Collegare Matera a Roma e al resto d’Italia con venti chilometri di infrastruttura, un progetto che in Italia ha ancora del futuristico.