Lazio, l’agente di Luis Alberto spaventa i tifosi: addio a gennaio?

Lazio, l’agente di Luis Alberto spaventa (e non poco) l’ambiente biancoceleste con le sue ultime dichiarazioni che fanno davvero spavento. Possibile addio nel mese di gennaio per il trequartista spagnolo?

La Serie A è ferma per lasciare spazio al tanto atteso (e molto criticato) Mondiale in Qatar che inizierà domenica 20 novembre: gara d’esordio tra il Paese ospitante e i sudamericani dell’Ecuador. Al comando della classifica c’è il Napoli di Luciano Spalletti che guarda dall’alto le inseguitrici Milan e Juventus. In quarta posizione troviamo proprio la Lazio di Maurizio Sarri che ha chiuso il 2022 con una sconfitta all’Allianz Stadium contro i bianconeri di Allegri.

L'agente di Luis Alberto spaventa i tifosi della Lazio
Luis Alberto (Foto LaPresse)

Alcuni tesserati sono volati a Doha per rappresentare il proprio Paese. Poi, da gennaio del nuovo anno, sarà nuovamente tempo di campionato. Ed anche di competizioni europee. Nelle ultime ore spaventano le dichiarazioni da parte dell’agente di uno dei calciatori leader della squadra, Luis Alberto. Il fantasista spagnolo, fino ad ora, ha collezionato 17 presenze (tra Serie A ed Europa League) collezionando 4 reti e fornendo 2 assist ai compagni di squadra. Il suo futuro nella Capitale potrebbe essere a serio rischio.

Lazio, l’agente di Luis Alberto tuona: “Possibile ciclo finito

Oramai da anni si parla di un possibile addio dello spagnolo alla Lazio. Ma non al campionato di Serie A dove è seguito da diversi top club. Il suo procuratore ha fatto capire chiaro e tondo una cosa: il suo assistito potrebbe ben presto trovare un’altra casa. Queste sono alcune delle parole rilasciate al ‘Corriere dello Sport‘ da parte di Miguel Alfano: “Sia noi che la società vogliamo trovare un modo per non continuare a convivere con una situazione scomoda”.

L'agente di Luis Alberto spaventa i tifosi della Lazio
Luis Alberto (Foto LaPresse)

Una possibile rottura tra il calciatore ed il presidente Lotito (anche se non lo ha mai nominato)? “Sicuramente la situazione si risolverà, anche se si dovesse accettare che nel calcio spesso i cicli possono finire“.