Quentin Tarantino sul suo prossimo film: “Non so più cosa sia un film!”

Quentin Tarantino ha parlato del suo prossimo e ultimo film, ammettendo di essere in confusione rispetto all’odierno mercato del cinema

In questa lunga pausa dalla regia, Quentin Tarantino continua a esprimersi con particolare schiettezza sul mondo contemporaneo dell’intrattenimento audiovisivo e recentemente, parlando del suo prossimo e ultimo lungometraggio, ha voluto manifestare più di una perplessità sull’attuale mercato cinematografico.

Il suo decimo film sarà ufficialmente l’ultimo della sua gloriosa filmografia, ma Quentin ha già confermato la possibilità di firmare la regia di una serie tv, così da sperimentare una nuova forma di espressione audiovisiva. 

“Non ho fretta di fare il mio ultimo film”

Queste le parole del regista di Pulp Fiction: “Faccio cinema da 30 anni, ed è ora di concludere lo spettacolo. Come ho detto, sono un intrattenitore. Voglio lasciarti desiderare di più e non voglio lavorare con rendimenti in calo. Mi sento un po’ come un vecchio fuori dal mondo quando si tratta dei film attuali che sono in uscita in questo momento”. Difatti Tarantino ha dichiarato negli scorsi giorni che il cinema contemporaneo è il peggiore di sempre insieme a quello degli anni ottanta e cinquanta. 

C’era una volta a… Hollywood (2019)

Il regista statunitense ha infatti affermato: “Non ho molta fretta di fare il mio ultimo film. In questo momento non so nemmeno cosa sia un film. È qualcosa che viene riprodotto su Netflix? È quello qualcosa che viene riprodotto su Amazon, che tutti vogliono e la gente lo guarda sul divano con la moglie o il marito? È un film?