Miccoli, stop al carcere: ecco dopo quanti giorni è uscito di prigione

È stato concesso l’affidamento in prova per l’ex attaccante di Palermo e Juventus: lo scorso novembre era stato rinchiuso con accuse molto pesanti.

Incubo finito per Fabrizio Miccoli. Finalmente l’ex attaccante è uscito dal carcere di Rovigo dove era rimasto rinchiuso dallo scorso novembre. Il 42enne era stato condannato in via definitiva a tre anni e tre mesi dal tribunale per estorsione aggravata dal metodo mafioso. L’avvocato Savoia ha presentato un ricorso che è stato accolto dal tribunale di sorveglianza di Venezia: adesso per Miccoli è scattato l’affidamento in prova.

Fabrizio Miccoli
L’ex attaccante Fabrizio Miccoli ha lasciato il carcere di Rovigo (Ansa)

L’ex calciatore di Palermo e Juventus tra le altre non può più sgarrare. Le regole sono molto chiare in questo senso: c’è il divieto assoluto di frequentare pregiudicati e rientrare a casa dopo mezzanotte. Avrà però la possibilità di fare ritorno in Salento e potersi dedicare alla sua scuola calcio, ovviamente seguendo le indicazioni del giudice.

Miccoli, accolto il ricorso: può lasciare il carcere

La sua condanna era diventata definitiva alla fine di novembre, dopo che la seconda sezione della Corte di Cassazione aveva rigettato il ricorso e confermato la sentenza decisa nel gennaio 2020 dalla Corte di Appello di Palermo. Miccoli, che si è costituito in autunno, era accusato di aver chiesto al figlio di un esponente della criminalità organizzata, Nino Lauricella, di chiedere la restituzione di somme di denaro a un imprenditore per conto di un suo amico.

Miccoli
L’ex attaccante di Palermo e Juventus, Fabrizio Miccoli (Ansa)

Una vicenda che ha gettato in cattiva luce il nome di Fabrizio Miccoli, che si è reso protagonista di una telefonata – intercettata dalle autorità – in cui offendeva la memoria di Giovanni Falcone insieme allo stesso Lauricella. L’ex calciatore ha provato a scusarsi in tutti i modi per il suo comportamento. Dopo 171 giorni di prigione, il 42enne è tornato in libertà.