Diceva da mesi che la mamma era uscita: poi il macabro ritrovamento

L’uomo diceva da tempo a parenti e amici che la mamma era uscita, negando ogni contatto: dopo i sospetti si è giunti al macabro ritrovamento.

Mamma morta da mesi macabro ritrovamento
Diceva che la mamma era uscita, poi il macabro ritrovamento a Genova (screenshot video YouTube)

Una storia triste. Probabilmente un dramma della solitudine o semplice calcolo. Lo stabiliranno i Carabinieri. Gli stessi che dopo i sospetti dei vicini e dell’amministratore, sono intervenuti insieme ai Vigili del Fuoco in un appartamento a Sampierdarena, a Genova. Al loro arrivo si sono resi immediatamente conto che la 93enne era morta da tempo, e il figlio 77enne che conviveva con lei, da mesi teneva intatto il suo cadavere sul letto.

Leggi anche: Torino, nudo e armato di machete aggredisce la Polizia (Video)

Roberto Silvestri era stato più volte contattato dall’amministratore di sostegno della donna, che all’ultimo rifiuto si era presentato davanti alla porta di casa per verificare la situazione. Il 77enne però si è rifiutato di aprire e sono stati immediatamente chiamati i pompieri, che hanno rapidamente sfondato la porta. Poi il ritrovamento, le analisi sul corpo e le altre testimonianze, che aggravano notevolmente la posizione di Roberto Silvestri.

Genova, diceva che la mamma era uscita: era invece morta da mesi

genova vigili
I Vigili del Fuoco e i Carabinieri hanno ritrovato il cadavere della donna (LaPresse)

Le telefonate a casa di Roberto Silvestri e della mamma erano frequenti. Parenti e amici provavano insieme all’amministratore a parlare con la donna, ma il figlio negava qualsiasi tipo di contatto. In più occasioni, secondo le testimonianze, ha risposto dicendo che la signora Angela era fuori per fare la spesa o in chiesa. 

Leggi anche: ESCLUSIVA – “Il Governo non pensa a noi. Rischiamo tutti di fallire”

Dopo i sospetti però è stato rinvenuto il cadavere e sono partite le analisi per verificare la data del decesso. Pare che la donna, 93enne, fosse morta da circa due mesi. Nessuna ferita, e neanche lesioni. Sarebbe deceduta per cause da accertare, ma non sarebbe stata vittima di aggressioni. Il figlio è ricoverato in stato di choc e avrebbe riferito agli agenti di non aver detto nulla per non separarsi da lei. Un dramma quindi, forse dettato dalla solitudine. Che i Carabinieri proveranno con le indagini a chiarire.