Gianluca Vialli, l’incubo non è finito: “Il nemico è ancora con me” – VIDEO

Arrivano le dichiarazioni del capo delegazione della Nazionale Italiana, Gianluca Vialli. Quest’ultimo ha rilasciato un’intervista ai microfoni in occasione della presentazione del libro ‘Gianluca gonfia la rete’ – VIDEO

Gianluca Vialli
Gianluca Vialli (Getty Images)

In tanti lo ricordano per essere stato uno degli attaccanti più forti italiani negli anni ’90. Con Roberto Mancini ha creato una delle coppie che faceva tremare le squadre avversarie, tanto è vero che con la Sampdoria vinsero un importante ed unico scudetto. Il rapporto con il nativo di Jesi è continuato, visto che uno adesso è il commissario tecnico della Nazionale mentre l’altro è il capo della delegazione.

Ovviamente stiamo parlando di Gianluca Vialli. Di lui si è parlato anche di un brutto male che lo ha colpito: un tumore che lo ha cambiato. Sono passati mesi da quando ha superato uno dei momenti più difficili della sua vita.

LEGGI ANCHE >>>ESCLUSIVA – Pagliuca: “Vialli è la persona giusta per la Sampdoria”

Già, perché le parole che sono arrivate direttamente da lui hanno gelato i propri sostenitori. Purtroppo il “nemico indesiderato” non è completamente andato via del tutto ed è tornato a farsi vivo. Ne ha parlato lo stesso nativo di Cremona durante la presentazione del libro ‘Gianluca gonfia la rete‘ scritto dal medico Matteo Bonetti.

Gianluca Vialli gela tutti: “Il nemico è ancora con me” VIDEO

Gianluca Vialli racconta della sua malattia
Gianluca Vialli (Getty Images)

Queste sono le sue parole: “Diciamo che sto abbastanza bene. Non ho ancora completato questo viaggio visto che l’ospite indesiderato è sempre con me. A volte è un pochino più presente, in altre occasioni meno. Diciamo che sto facendo un periodo di manutenzione. Andiamo avanti e speriamo che mi possiate sopportare per tanti anni.

LEGGI ANCHE >>>Sorpresa ad Atreju c’è ct Mancini: “Col Portogallo ci vuole aiuto italiani”

Vi ringrazio per avermelo chiesto. Sono fiducioso ed ottimista in questo senso. Sono veramente fortunato perché sono circondato da persone che mi danno sostegno, forza e coraggio. Non finirò mai di ringraziarli“.