Parigi, panico al Centro Commerciale: due donne prese in ostaggio

Un uomo, conosciuto alle forze dell’ordine, ha sequestrato due donne in un negozio. Si esclude la pista terroristica

La Polizia di Parigi intervenuta nel Centro Commerciale dove sono state sequestrate due donne – Ansa Foto –

Un grave fatto di cronaca si sta consumando in questi minuti a Parigi, dove un uomo sta tenendo in ostaggio due donne all’interno di un centro commerciale. L’uomo sarebbe armato ed ha fatto delle richieste piuttosto bizzarre ai poliziotti che sono immediatamente intervenuti sul posto.

LEGGI ANCHE: Attimi di terrore per Totò Di Natale: l’hanno fatto davanti ai suoi figli

Nella capitale francese, già oggetto di atti di terrorismo e attentati negli ultimi anni, torna il terrore. I telegiornali e le tv di stato stanno seguendo con speciali ciò che sta accadendo in un centro commerciale: protagonista un uomo che, armato di coltello, è entrato in un negozio ed ha preso in ostaggio due donne: dalle prime informazioni ricavate dalla polizia, si tratterebbe di una commessa e una cliente della boutique.

L’uomo, in possesso di un’arma da taglio, è “conosciuto per problemi psichiatrici”,  ed ha preso in ostaggio due donne in un negozio nel 12° arrondissement di Parigi. La notizia arriva  da una fonte della polizia che esclude la pista del terrorismo. Il sequestratore, “di una cinquantina d’anni”, tiene le due donne in ostaggio in una boutique nel quartiere della Bastiglia, dove è stata inviata la Brigata di ricerca e intervento della questura, ha detto la stessa fonte. E’ in corso una lunga trattativa tra le forze dell’ordine e il sequestratore, che è una persona nota agli inquirenti.

LEGGI ANCHE: Covid, situazione in Francia fuori controllo: numeri drammatici

L’uomo chiede di parlare con il Ministro della Giustizia Eric Dupond-Moretti e, secondo organi di informazione transalpini, con l’avvocato di Omar Raddad, un ex giardiniere salito agli onori della cronaca per un assassinio del 1994. L’uomo fu condannato per l’omicidio della sua datrice di lavoro Ghislaine Marchal. Giovedì 16 dicembre la giustizia ha deciso di riaprire il dossier prima di un’eventuale revisione del processo. Si cerca un nesso con il folle gesto del sequestratore.