Conte, dichiarazioni al veleno su Berlusconi e sulla terza dose

In un’intervista per Tagadà, su La7, l’ex primo ministro italiano Giuseppe Conte ha rilasciato alcune dichiarazioni su Berlusconi e sulla terza dose.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte ©Getty Images

Intervistato durante la trasmissione Tagadà, in onda su La7, Giuseppe Conte ha rilasciato delle dichiarazioni forti. L’ex premier ha infatti detto la sua in merito alla candidatura al Quirinale dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Inoltre, Conte ha anche parlato della strada per uscire dalla pandemia, riferendosi alla terza dose.

LEGGI ANCHE >>> Silvio Berlusconi apre al “Movimento 5 Stelle”: la replica di Conte

Nel dettaglio, Giuseppe Conte ha parlato della candidatura al Quirinale di Berlusconi. Tale argomento è estremamente dibattuto nell’ultimo periodo, e Conte ha espresso il seguente punto di vista: “Io non sono stato dritto, ma drittissimo” riguardo la candidatura di Berlusconi al Quirinale, “qualora dovesse essere formulata”. Il volto di punta del MoVimento 5 Stelle ha inoltre aggiunto: “Non penso di aver formato degli equivoci. Io ho solo detto che Berlusconi non avrà i voti del MoVimento né sarà il candidato del MoVimento. Dov’è l’equivoco?”.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte ©Getty Images

Dunque, parole al veleno nei confronti dell’ex presidente del Consiglio. Eppure, la sua candidatura sembra estremamente probabile. Stando alle parole di Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, “Io voto certamente Berlusconi, se decide di candidarsi”. Il leader di Azione, Carlo Calenda, ha espresso un parere radicalmente opposto rispetto alla presidente di FdI. Intervistato da La7, Calenda ha dichiarato: “Berlusconi al Quirinale? Penso sia persino sbagliato spiegare i motivi per cui non lo può fare“.

LEGGI ANCHE >>> Quirinale, Salvini sente tutti i leader: primi no a Berlusconi, sale un nome

Ma il presidente del MoVimento 5 Stelle Conte, intervistato su Tagadà, non si è limitato ad esprimere il suo parere riguardo la candidatura del Cavaliere al Quirinale. Giuseppe Conte ha infatti espresso le sue opinioni riguardo la strada per uscire dalla pandemia di Covid-19 che opprime l’umanità da due anni a questa parte. Secondo Conte, “La strada non è obbligare a fare il tampone per entrare nei luoghi pubblici, ma la terza dose. Fare una tampone vuol dire lasciare il tempo che trova”.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte ©Getty Images

Dunque, secondo Conte, la terza dose è il modo per uscire definitivamente dalla pandemia. L’opinione del presidente del MoVimento 5 Stelle, d’altronde, sembra essere scientificamente valida. Questo poiché la copertura offerta dalla terza dose di vaccino è sensibilmente superiore rispetto alle due sole dosi previste inizialmente per fermare la pandemia.