Clamoroso dall’Inghilterra: la Premier League rischia una nuova sospensione

I tanti casi tra i calciatori e i continui rinvii delle gare, starebbero portando il Governo del calcio inglese ad una clamorosa decisione

premier league
La Premier rischia la sospensione a causa del Covid – Getty Images –

A distanza di quasi due anni dalla sospensione di tutti i campionati di calcio europei, torna l’incubo Covid. In Inghilterra, una delle nazioni più colpite dalla variante Omicron, è forte il rischio di un nuovo stop per tutti i campionati. Dalla Premier alle categorie più basse. Molte le gare già sospese e tante altre potrebbero essere rinviate nelle prossime ore, fino ad arrivare allo stop definitivo.

LEGGI ANCHE: Tottenham, Covid devastante: arriva un’altra batosta

Tre partite di Championship previste per sabato – Reading contro Luton, Millwall contro Preston e Swansea contro QPR, sono già state rinviate a causa della diffusione del virus nei club. Mentre nell’ultimo turno di Premier non si sono disputate (sempre per problemi legati al Covid) le sfide Burnley-Watford e Brentford-Manchester United. Anche la sfida tra Leicester e Tottenham, prevista per questa sera, è stata posticipata. Una situazione di grande difficoltà, che sta portando i vertici del calcio inglese a studiare soluzioni clamore e inaspettate

LEGGI ANCHE: Uefa, la clamorosa decisione su Tottenham-Rennes: tifosi spiazzati

Conte, già tre gare rinviate

La preoccupazione
L’ex tecnico dell’Inter e attuale allenatore del Tottenham Antonio Conte: gli Spurs hanno saltato 3 match (Getty Images)

Nel giorno in cui il Regno Unito ha registrato il più alto numero di casi giornalieri di Covid – 78.610 – dall’inizio della pandemia, è forte il rischio di una sospensione totale del campionato. In Premier sono state rinviate finora Brighton-Tottenham, Brentford-Manchester United, Burnley-Wartford e Leicester-Tottenham. Al termine del match tra Brighton e Wolverhampton, Graham Pooter, allenatore del Brighton ha invitato i responsabili della Lega calcio inglese a prendere una decisione definitiva: “Vogliamo tutti che il calcio vada avanti, ma devono esserci le condizioni per farlo. La salute ha la priorità. Bisogna capire se sia giusto proseguire su questa strada”.

Il rischio sospensione si fa sempre più forte. Anche alla luce del dato preoccupante sui vaccinati in Premier. A fine ottobre solo il 68% aveva ricevuta la prima dose e l’81% era fermo alla prima. Numeri troppo bassi, che sono stati criticati da Jurgen Klopp, allenatore del Liverpool. Bisogna vaccinarsi. Per proteggere se stessi e per gli altri, per la comunità intera alla quale apparteniamo”. Nel Regno Unito si discute sulla possibilità di fermare la stagione e riprendere l’attività dopo le feste di Natale.

Impostazioni privacy