Il Covid ora colpisce gli animali: tre leopardi morti, allerta massima

Tre leopardi sono morti di Covid e altri sarebbero stati colpiti nello zoo: le attività proseguono ma l’allerta è massima per tutelare gli animali.

leopardi delle nevi covid animali
Un raro esemplare di Leopardo delle nevi (Getty Images)

Dopo il primo cane contagiato in Gran Bretagna dai padroni, si alza il livello di allerta per i casi di Covid legati agli animali. Tre rarissimi leopardi delle nevi del Lincoln Children’s Zoo sono morti a causa delle complicazioni del Covid-19. Non hanno superato la malattia scaturita dal virus, circolata nella struttura in Nebraska. Diversi animali sono stati infatti colpiti, ma le Tigri del Sumatra hanno superato brillantemente la malattia.

Leggi anche: Covid, positivo un cane in Gran Bretagna: cosa significa per la scienza

Per Ranney, Everest e Makalu c’è stato invece poco da fare, e il direttore dello zoo ha chiarito quanto accaduto. “I nostri 3 leopardi non ce l’hanno fatta – ha scritto su Facebook – per noi è stata una perdita davvero straziante, siamo tutti in lutto”. Poi ha chiarito alcuni aspetti delle attività all’interno dello zoo, colpito in maniera pesante dai contagi

Covid, tre leopardi morti: lo zoo vuole evitare una strage di animali

leopardi
Due esemplari di Leopardo delle nevi (Getty Images)

Da quanto si apprende il Covid sarebbe stato portato allo zoo dall’uomo, e diversi animali sarebbero stati colpiti. Ciò nonostante le attività non si fermano, ed è stato predisposto un protocollo per mettere in sicurezza gli animali. Gli esemplari presenti sono stati divisi accuratamente per arginare l’ondata di contagi, e sono stati allestiti percorsi per evitare che i visitatori possano essere vicini agli animali.

Leggi anche: Olanda, tensioni e scontri: il lockdown genera il caos – VIDEO

Resta però il problema di un’ampia diffusione che sta prendendo piede in diverse nazioni. E se al momento il pericolo di trasmissione dagli animali all’uomo non sussiste, al contrario invece diversi esemplari esposti al contagio stanno pagando l’incuria e la scarsa attenzione per un virus che uccide anche loro.