Guendalina Tavassi accusa l’ex marito di aggressione. Lui nega e attacca

La showgirl attacca pesantemente l’ex marito Umberto Daponte, mostrando i segni dell’aggressione. Lui si difende passando al contrattacco

Guendalina Tavassi e Daponte
Guendalina Tavassi, durissimo attacco all’ex marito

Un botta e risposta clamoroso, a suon di video su Instagram. Guendalina Tavassi e l’ex marito Umberto Daponte hanno dato vita ad un accesissimo duello a suon di accuse, veleni e dichiarazioni roboanti. I due, sposati dal 2013, si sono lasciati qualche mese fa e, nonostante stiano provando a crescere insieme i figli piccoli, hanno rotto in modo netto la loro relazione. Oggi si è consumata un’altra pagina triste della loro storia, con altre accuse e prese di posizione che stanno già accendendo le discussioni sul web.

Guendalina Tavassi, ex concorrente del Grande Fratello e dell’isola dei Famosi, ha attaccato pesantemente Daponte, accusandolo di averla aggredita. Prima attraverso una dichiarazione scritta sul suo profilo Instagram, poi con un video. Nella dichiarazione, la Tavassi ha scritto: “Viviamo in un mondo perverso dove le vittime diventano carnefici. Sono stata in silenzio per troppo tempo ed è questo il mio unico errore, solo per salvaguardare i figli. Non volevo mettere nulla in piazza e nonostante tutti mi chiedessero anche del penultimo episodio non ho mai potuto raccontare la verità, perchè vi assicuro che la paura è più forte della verità. Ma adesso basta. A breve vi racconterò tutto perchè non posso più sopportare di essere infamata, maltrattata, menata. Se devo essere distrutta da un mostro, voglio che almeno tutti sappiate veramente chi è Umberto Daponte”.

LEGGI ANCHE: J-Ax e Fedez pieni di Cocaina: la decisione del giudice fa discutere

Guendalina Tavassi: “Aggredita dal mio ex”

Poco dopo la stesa showgirl ha realizzato un video, in cui spiegava cosa fosse accaduto nello studio del suo avvocato. La Tavassi ha mostrato il cellulare rotto, fatto a pezzi dall’ex marito. “Sono stata aggredita dalla stessa persona nello studio del mio avvocato Leonardo. A breve troverò un modo per tornare con voi”. Qualche minuto dopo è iniziata una lunga diretta, nella quale la Tavassi ha raccontato tutto ciò che è successo nell’incontro con l’ex marito e ha mostrato dei video realizzati in passato. “Sono stata costretta a registrare ogni cosa che avveniva, altrimenti nessuno mi avrebbe creduto. La polizia veniva sempre a casa mia e mi diceva che fino a quando non facevo una denuncia, non avrebbero potuto fare nulla. Io le denunce le ho fatte, ma ad oggi non è cambiato ancora nulla”.

LEGGI ANCHE: Il durissimo attacco di Clooney ai media: “Non vi azzardate più”

Pronta è arrivata anche la replica di Daponte, che sempre attraverso i social, ha risposto: “Sono qui per fare chiarezza. Quello che è successo io l’avrei lasciato nelle quattro mura di casa. Ma siccome dall’altra parte ogni volta trovano qualcosa per avere popolarità, per far crescere i follower, per diffamare, da questa parte uno non può stare sempre inerme e zitto e deve reagire. Io non ho aggredito nessuno, non c’è stata nessuna aggressione, non ho messo mani addosso a nessuno. Sono stato chiamato per definire la situazione bambini e divorzio. Parlavamo di situazioni private e intime che solo io e lei conoscevamo. E dall’altra parte il suo avvocato non reagiva. E vedevo delle stranezze. Quando ho pensato che qualcosa non andava, aveva il suo telefono sulla scrivania. L’ho guardato e stava registrando praticamente tutto. Così ho preso e ho spaccato il telefono. Ho avuto una reazione istintiva, ma è stato più forte di me.”

“Per quanto riguarda il fatto di averla picchiata, vi posso giurare sulla mia vita e su quella dei miei figli, non l’ho nemmeno sfiorata con un dito. Ho semplicemente spaccato il telefono. Tra l’altro l’ha spaccato anche lei a me per prenderlo dalle mie mani. Si sono inventati tutto per far passare il sottoscritto come la merda della situazione. Detto questo, ho denunciato e querelato  per diffamazione da un avvocato come si deve e provvederà a tutto il giudice. Io non parlo più”.