Manifestazione ‘No Green Pass’ a Milano: dieci persone denunciate

Manifestazione ‘No Green Pass’ Milano che si è svolta nella giornata di ieri è terminata con alcuni “scontri” con la polizia: il bilancio è di dieci persone che sono state denunciate dalle forze dell’ordine

No Green Pass Milano, dieci denunciati
Manifestazione ‘No Green Pass’ a Milano nella giornata di ieri (screenshot video YouTube)

Nella giornata di ieri, sabato 6 novembre, in tre città italiane si sono tenute manifestazioni ‘No Green Pass‘: Trieste, Torino e Milano. Molte persone sono scese in piazza per ribadire il loro “no” al certificato verde, diventato obbligatorio da quasi un mese nei posti di lavoro (per i dipendenti pubblici e privati). Proprio nel capoluogo lombardo si sono verificati alcuni scontri con le forze dell’ordine. Quasi 4000 persone hanno bloccato e mandato in tilt le strade milanesi per esprimere il loro dissenso da questo documento. Anche Paolo Maurizio Ferrari, secondo quanto riporta l’Adnkronos, era presente in questa manifestazione. Quest’ultimo era stato denunciato due settimane fa per “manifestazione non autorizzata”.

LEGGI ANCHE >>> ‘No Green Pass’, non si fermano le manifestazioni: città scendono in piazza

Il caos si è verificato lungo via Beatrice D’Este, dove si sono verificati i primi problemi legati al traffico. Tanto è vero che alcuni di loro hanno verbalmente minacciato alcuni automobilisti che si stavano lamentando per i loro comportamenti e anche per il fatto di aver mandato in tilt il traffico. La Questura ha fatto sapere che il tutto è terminato verso le ore 21 di ieri sera.

‘No Green Pass’ Milano, 10 denunciati portati in Questura

Nel frattempo arriva anche la nota ufficiale da parte della Polizia di Stato che è riuscita ad individuare 60 persone che hanno preso parte alla manifestazione. Solamente dieci di loro sono state prese e accompagnate in Questura.

LEGGI ANCHE >>> “No Green Pass” Novara, l’ospedale sospende la creatrice del corteo

A Piazza Fontana, infine, c’è stata una aggressione verbale nei confronti di un giornalista che stava riprendendo il tutto. Gli è stato intimato di non farlo con conseguenti minacce. Tanto è vero che le forze dell’ordine, dopo aver visto ciò, sono riusciti a bloccarli e a portarli in Questura.