Atalanta-Lazio, la moglie di Reina non ci sta: sfogo durissimo

Yolanda Ruiz, moglie del portiere spagnolo della Lazio è stata protagonista di uno sfogo social che fa discutere

Pepe Reina e la moglie Yolanda Ruiz
Pepe Reina e la moglie Yolanda Ruiz (Instagram)

Nei minuti finali di Atalanta-Lazio e con i capitolini in vantaggio per 2-1, Pepe Reina, portiere spagnolo dei biancocelesti, è stato oggetto di critiche, insulti e di un fitto lancio di oggetti da parte dei tifosi bergamaschi. Il portiere laziale si trovava sotto la curva dei sostenitori nerazzurri e non è riuscito ad effettuare il rinvio da fondo campo. Dopo qualche secondo di attesa (che ha portato addirittura al cartellino giallo, sventolatogli in faccia dal direttore di gara), Reina è stato colpito da una monetina lanciata dai sostenitori bergamaschi. Il portiere spagnolo si è accasciato a terra stordito, ma ha evitato scenate e dopo pochi secondi è tornato in campo per difendere i pali biancocelesti.

LEGGI ANCHE: Lazio-Salernitana, Lotito svela per chi tiferà

La moglie di Reina si sfoga: “Questo non è calcio”

L’episodio è stato punito con una semplice multa dal giudice sportivo, che ha inflitto all’Atalanta una pena di 25.000 euro. Ma la condanna maggiore è arrivata unanime dal mondo dello sport e dai social. A sfogarsi è stata anche la moglie del calciatore spagnolo Yolanda Ruiz, che sul suo profilo Instagram ha pubblicato l’immagine della testa del marito, con gli evidenti segni della monetina ricevuta. “Questo non è calcio – ha scritto Yolanda  – semplicemente intollerabile”, ha proseguito la donna che nell’ultimo scatto postato ha evidenziato gli oggetti che hanno colpito il portiere: “Monete e accendini”, ricevendo messaggi di affetto e solidarietà dal mondo del web.

LEGGI ANCHE: Lazio contro le autorità francesi, comunicato durissimo

Reina: “La prossima volta tiratemi i gamberi”

Anche l’Atalanta ha preso posizione contro i propri tifosi, dissociandosi dall’episodio. Il comportamento della società bergamasca le ha evitato pene più dure. “La sanzione – ha scritto il Giudice sportivo – è stata attenuata, ai sensi dell’art. 7 CGS, in quanto la Società, dissociatasi immediatamente dal comportamento incivile descritto nel rapporto dei collaboratori della Procura Federale, con la propria collaborazione fattiva ha contribuito alla pronta individuazione dei responsabili dell’ultimo episodio, ai fini dell’applicazione delle conseguenti sanzioni interdittive dell’accesso”. E il diretto interessato? Reina, rispetto al post della moglie ha dimostrato maggiore ironia, sdrammatizzando l’accaduto: “La prossima volta tiratemi un chilo di gamberi o cotenne”, ha ironizzato sui social.