Allarme climatico: virus giganti per la prima volta in ghiacciai, dimensione record

Scoperta rivoluzionaria nei ghiacci dell’Artico: virus giganti di dimensioni record sono stati individuati dai ricercatori. Le conseguenze. 

In un mondo dove il cambiamento climatico e lo scioglimento dei ghiacciai rappresentano una minaccia sempre più pressante, una scoperta sorprendente emerge dai freddi paesaggi dell’Artico. Ricercatori dell’Università di Aarhus, in Danimarca, hanno documentato per la prima volta la presenza di virus giganti nei ghiacci della Groenlandia. Questa scoperta potrebbe aprire nuove prospettive nella comprensione degli ecosistemi glaciali e nel contrasto al riscaldamento globale.

virus giganti ghiacciai
Dimensioni record per questi virus – notizie.com

I virus giganti trovati nei ghiacci artici sfidano le conoscenze precedenti sulla dimensione dei virus. Con una grandezza di 2,5 micrometri, questi organismi superano in dimensione la maggior parte dei batteri e possiedono un genoma eccezionalmente ampio, con circa 2.500.000 lettere nel loro codice genetico. La loro esistenza suggerisce che l’ambiente glaciale artico è molto più ricco e complesso di quanto si pensasse fino ad ora.

Il ruolo ecologico dei virus giganti

La ricerca condotta dall’équipe danese rivela che i virus giganti sono attivi all’interno del ghiaccio e della neve popolati da microalghe pigmentate. Questa constatazione ribalta l’idea che le regioni polari siano ambienti sterili o quasi privi di vita. “Pensavano che questa parte del mondo fosse arida e priva di vita,” afferma Laura Perini, ricercatrice coinvolta nello studio pubblicato sulla rivista ‘Microbiome’. La presenza attiva di questi organismi dimostra invece una biodiversità insospettata nelle fredde distese artiche.

ruolo ecologico dei virus giganti groenlandia
L’incredibile scoperta in Groenlandia – notizie.com

Nonostante la loro recente scoperta, il ruolo preciso che i virus giganti svolgono nell’ecosistema glaciale rimane ancora avvolto nel mistero. Tuttavia, essendo dotati di numerosi geni attivi capaci di riparare, replicarsi e tradurre il DNA, è chiaro che influenzano significativamente la vita microbica delle calotte glaciali. I ricercatori sono impegnati nello studio delle interazioni tra questi virus giganti e le microalghe per comprendere meglio il loro impatto sull’ambiente circostante.

La scoperta dei virus giganti nell’Artico apre nuovi orizzonti nella ricerca scientifica relativa agli ambienti glaciali e al cambiamento climatico. “Continuiamo a studiare i virus giganti per saperne di più sulle loro interazioni,” dichiarata Perini anticipando ulteriori pubblicazioni scientifiche previste entro l’anno riguardo ai virus giganti che infettano specifiche microalghe della Groenlandia.

Questa ricerca non solo arricchisce la nostra conoscenza sugli intricati meccanismi degli ecosistemi polari ma potrebbe anche offrire strumentali indicazioni su come mitigare gli effetti dello scioglimento dei ghiacciai contribuendo così alla lotta contro il riscaldamento globale.

Impostazioni privacy